Image: Theme 'Religion and Belief' by Pancho

Cosa sono la religione e la fede?

Tutte le religioni, le arti e le scienze sono rami dello stesso albero. Tutte queste aspirazioni sono dirette a nobilitare la vita dell'uomo, sollevandola dalla sfera della mera esistenza fisica e guidando l'individuo verso la libertà.
Albert Einstein

La fede è uno stato del pensiero che considera qualcosa vero anche se non sicuro al 100% o non è possibile dimostrarlo. Tutti hanno delle credenze sulla vita e sul mondo di cui hanno esperienza. Delle credenze che si supportano reciprocamente possono formare di sistemi di fede, che possono essere religiosi, filosofici o ideologici.
Le religioni sono dei sistemi di credenze che mettono in relazione l'umanità con la spiritualità. La seguente definizione di Wikipedia fornisce una buona visione di insieme delle varie dimensioni della religione:
la religione è una raccolta di sistemi culturali, di sistemi di credenze e di visioni del mondo che mettono in relazione l'umanità con la spiritualità e , talvolta, con i valori morali. Molte religioni hanno delle narrazioni, dei simboli, delle tradizioni e delle storie sacre che hanno lo scopo di dare significato alla vita o di spiegare l'origine della vita o dell'universo. Tendono a ricavare la moralità, l'etica, le norme religiose o uno stile di vita preferito dalle proprie idee sul cosmo e sulla natura umana. […] molte Religioni hanno dei comportamenti organizzati, un clero, una definizione di che cosa rappresenta l'adesione o l'essere parte di quella religione, una congrega di laici, degli incontri o dei servizi regolari per gli scopi della venerazione di una divinità o per la preghiera, dei luoghi sacri (sia naturali che artificiali), e/o delle scritture. La pratica di una religione può anche comprendere sermoni, commemorazioni dell’opera di un dio o degli dei, offerte votive, festival, feste sacre, trance, riti d'iniziazione, servizi funerari, servizi matrimoniali, meditazioni, musiche, arte, danze, servizi pubblici o altri aspetti della cultura umana. Tuttavia, ci sono esempi di religioni per i quali alcuni o molti di questi aspetti strutturali, credenze, o pratiche sono assenti.1

Il credere in una dimensione spirituale della vita esiste da tempi immemorabili. Molte società umane ci hanno lasciato prove storiche dei loro sistemi di culto, potevano esserci adorazione del Sole, adorazione di dei e dee, conoscenze del bene e del male o del sacro. Stonehenge, i Buddha di Bamiyan, la Cattedrale dell’Almudena a Madrid, l’Uluru ad Alice Springs, i Giardini Bahai ad Haifa, il Fujiyama, le Montagne Sacre in Giappone, la Kaaba in Arabia Saudita o il Tempio d’oro ad Amritsar sono tutti i luoghi che rappresentano un testamento all'esperienza umana della spiritualità, che può essere una realtà obiettiva o una conseguenza della ricerca umana per una spiegazione del significato della vita o del nostro ruolo nel mondo.
Nel senso più semplice, la religione descrive “la relazione di essere umani con ciò che loro vedono come Santo, sacro, spirituale o divino”. Di solito è accompagnata da un insieme di pratiche organizzate che spingono una comunità di persone a condividere quella fede. Come detto sopra, il culto è un termine ampio e comprende anche “credenze che negano una dimensione dell'esistenza oltre a questo mondo”.3

Le religioni e gli altri sistemi di credenze nel nostro ambiente hanno un'influenza sulla nostra identità, a prescindere dal fatto che noi ci consideriamo religiosi o spirituali o atei. Allo stesso tempo altri aspetti della nostra identità, della nostra storia, del nostro approccio alle altre religioni o ai gruppi considerati “diversi” influenzeranno il modo in cui interpretiamo quella religione o quel sistema di credenze.

Domanda: Quali religioni sono praticate nel vostro paese?

Le religioni e le strutture sociali e culturali ad esse correlate hanno giocato un ruolo importante nella storia umana. In quanto strutture del pensiero, influenzano il modo in cui percepiamo il mondo intorno a noi e i valori che accettiamo o rifiutiamo. In quanto strutture sociali, forniscono e supportano una rete e un senso di appartenenza. In molti casi, le religioni sono diventate la base di strutture di potere e si sono intrecciate con esso. La storia, sia antica che recente, è piena di esempi di stati “teocratici”, siano stati essi cristiani, indù, musulmani, ebraici o altri. La separazione tra stato e religione è ancora recente e realizzata solo parzialmente: in Europa ci sono religioni di Stato ufficiali e religioni di stato effettive. Nella maggior parte dei casi questo non costituisce un problema particolare finché è stemperato dai valori della tolleranza.

Considero le persone irreligiose dei pionieri.
Anandabai Joshee, la prima donna Hindu e la prima donna indiana a conseguire una laurea in medicina

I dati statistici sui membri di una religione o di un culto non possono essere mai troppo precisi, considerata la natura dinamica di questa combinazione come il fatto che molte persone tra noi vivono in contesti dove la libertà di religione e di culto non è concessa. I dati statistici seguenti sono quindi intesi per esemplificare la diversità del quadro globale. Le cifre indicano il numero stimato di fedeli delle più grandi religioni4:

Culti africani tradizionali e diasporici: 100 milioni
Bahai: 7 milioni
Buddismo: 376 milioni
Caodaismo: 4 milioni
Religione tradizionale cinese: 394 milioni
Cristianesimo: 2.1 miliardi
Induismo: 900 milioni
Islam: 1.5 miliardi
Giainismo: 4.2 milioni
Ebraismo: 14 milioni
Neopaganesimo: 1 milioni
Culti indigeni primitivi (religioni tribali, religioni etniche o animiste): 300 milioni
Rastafarianesimo 600 mila
Scintoismo: 4 milioni
Sikhismo: 23 milioni
Spiritismo: 15 milioni
Tenrikyo: 2 milioni
Unitarianesimo universalista: 800 mila
Zoroastrismo: 2.6 milioni

Il numero di laici, non religiosi, agnostici e atei è stimato in 1,1 miliardi.

Domanda: Quali religioni mancano in questa lista?

Ogni dittatore usa la religione come un sostegno per mantenersi al potere.
Benazir Bhutto

Le diverse religioni e culti sono esistite a lungo nella regione europea. In alcuni periodi storici, l'Europa ha offerto rifuso a gruppi religiosi vittime di persecuzioni io ho permesso la fioritura di una diversità di religioni e culti punto in altri periodi, tuttavia, i paesi europei sono caduti preda del fanatismo e si sono immersi in” guerre di religione”, come la Guerra dei Trent’anni dal 1618 al 1648 che ha portato allo sterminio di 1/3 della popolazione del continente. L'uso improprio, o l'abuso, di concetti religiosi ha condotto alla giustificazione di conflitti e guerre dolorosi, persecuzioni e intolleranze. A prescindere da come vogliamo interpretare questi retaggi storici, in Europa esiste una grande quantità di religioni e di culti, che hanno avuto e continuano ad avere un impatto sulle nostre società. in questo senso, la religione e il culto sono elementi importanti da considerare in relazione ai giovani e al lavoro con i giovani poiché, direttamente o indirettamente, hanno un impatto sull'identità dei giovani e sul loro senso di appartenenza.

La libertà di religione o di credo negli strumenti dei diritti umani

Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare di religione o di credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, e sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell'insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell'osservanza dei riti.
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, Articolo 18

Mai imporre agli altri ciò che non sceglieresti per te stesso.
Confucio

Questo fu successivamente confermato dalla Convenzione internazionale sui diritti politici e civili come in altri numerosi documenti vincolanti sui diritti civili, come la Carta africana sui diritti dell'uomo e dei popoli (articolo 8) o la Convenzione europea sui diritti umani e le libertà fondamentali (articolo 9).
Il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti umani sottolinea che questa libertà è "di vasta portata e profonda", che la libertà di coscienza dovrebbe essere eguale a quella di religione e credo e che quella protezione è per “credenze teistiche, non teistiche e atee, nonché il diritto di non professare alcuna religione o credo”.5 Pertanto, qualsiasi serio culto o convinzione - sia che una persona sia Sikh, contro la caccia, pacifista, mormone, vegana, o guidata dalle ideologie e dell'attivismo contro i cambiamenti climatici-può essere protetta da questo diritto.

Questa libertà nel diritto internazionale era storicamente centrata sulla libertà religiosa delle comunità minoritarie. Oggi, le leggi che assicurano la libertà di religione e di culto non sono più focalizzate sul bisogno di mantenere lo status quo con lo scopo di non minare la sicurezza locale, ma evidenziano una certa quantità di temi comprese la non discriminazione, l'uguaglianza e la dignità. Sostenere questa libertà ha motivazioni sia collettive che individuali, poiché permette alle persone di cercare (apertamente), di discutere (con forza) e di sostenere (liberamente) le credenze che scelgono da sole o insieme agli altri. Raggiungere e rendere possibile che in un luogo ci sia questa libertà richiede non solo che non ci siano interferenze sullo spazio della religione e del culto da parte dello Stato ma che esistano misure positive da prendere per raggiungere e mantenere un tale spazio nell'intera società. In pratica, dovrebbe essere inclusa, per esempio, la possibilità di rendere disponibili dei luoghi di culto ho di fornire un'educazione morale e religiosa.

Domanda: Siete membri di una comunità religiosa? Come ne siete diventati fedeli? 

Non fare agli altri qualcosa che ti farebbe arrabbiare se gli altri lo facessero a te.
Da un papiro dell'Antico Egitto

Ciò che odi sia fatto a te, non farlo ad un altro.
Isocrate

Come per tutti gli altri diritti umani, questa libertà non prevale sulle altre libertà e spesso si trova in linea con gli altri diritti umani, come la libertà di opinione e di espressione e la libertà dalle discriminazioni basate sul sesso o sull’orientamento sessuale. Questo si rispecchia per esempio nel modo in cui l'articolo 9 della Convenzione europea sui diritti umani è strutturato: ci deve essere la protezione assoluta del diritto al culto religioso, alla coscienza e al pensiero ma le manifestazioni di questa libertà possono godere di una protezione appropriata solo laddove non violino gli altri diritti umani.
 

Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali

Articolo 9 
1.  Ogni persona ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, così come la libertà di manifestare la propria religione o il proprio credo individualmente o collettivamente, in pubblico o in privato, mediante il culto, l'insegnamento, le pratiche e l'osservanza dei riti.
2.  La libertà di manifestare la propria religione o il proprio credo non può essere oggetto di restrizioni diverse da quelle che sono stabilite dalla legge e che costituiscono misure necessarie, in una società democratica, alla pubblica sicurezza, alla protezione dell'ordine, della salute o della morale pubblica, o alla protezione dei diritti e delle libertà altrui.

La libertà di religione e credo-compresa la libertà di cambiare religione-è essenziale per tutti noi, per la nostra ricerca di un significato, per il nostro sviluppo completo, per la nostra identità e la nostra espressione come membri di una comunità o di più comunità. Sia che abbiamo un solido culto o religione, sia che siamo indecisi o anche se non ci preoccupiamo molto di religione e credo, questa libertà è importante per le persone e per le società che vogliono costruire.

Domanda: Nel vostro paese ci sono delle comunità che non godono dello stesso livello di libertà di religione e credo delle altre?

Sfide e violazioni alla libertà di religione e credo

I gruppi religiosi devono tollerare, come gli altri gruppi opinioni pubbliche critiche e dibattiti sulle loro attività, sui loro insegnamenti e sulle loro credenze, ammesso che tale criticismo non costituisca un insulto intenzionale e gratuito e non costituisca un incitamento al disturbo della quiete pubblica o una discriminazione contro i credenti di una particolare religione.
Commissione di Venezia del Consiglio d'Europa

Attraverso la storia della religione, molte caratteristiche della religione e della società sono state integrate nell'ambiente dove in cui una particolare religione era praticata, e così sono andate al riflettersi nella cultura e nella politica. Molte opere della letteratura, della poesia, dell'arte e della musica, del modo di vestirsi e del modo di organizzare la vita della comunità sono state declinate dalle religioni. La religione ha dato una forte impronta alla cultura virgola e ciò può essere notato, per esempio, nelle festività, nelle celebrazioni, nelle cerimonie matrimoniali, Nelle pratiche di sepoltura, nei pellegrinaggi nell’indossare simboli religiosi (ad esempio gioielli o abiti particolari), o in alterazioni fisiche del corpo, come ad esempio la circoncisione maschile.
L'influenza delle religioni può diventare anche più forte quando una nazione sceglie di adottare una religione di Stato o un’ideologia religiosa. In tali situazioni, religione e ideali religiosi possono confondersi con il pensiero politico, economico o sociale.

Fino a che punto la libertà di pensiero, coscienza e religione possa permettere a delle pratiche distinte di una comunità di credenti di divergere da quelle del resto della società è spesso argomento di dibattito nella comunità dei diritti umani. Esempi di ciò comprendono atteggiamenti nei confronti delle donne per quanto riguarda le posizioni di leadership nella religione, le cerimonie tradizionali che coinvolgono i bambini, le leggi che riguardano il matrimonio, il divorzio o la sepoltura, la proibizione di rappresentare entità divine o altre figure religiose virgola e così via.

Non attribuire a nessuna anima quello che non avresti voluto fosse attribuito a te, e non dire ciò che tu non fai.
Bahá'u'lláh

In tali contesti, gli organismi che si occupano di diritti umani dovrebbero mettere in discussione le pratiche dolorose, a prescindere dal fatto che possano essere tradizionalmente permesse da alcune culture, nazioni o religioni. Questa critica non è un attacco alla cultura, alla nazionalità o alla religione ma un tentativo di stabilire un equilibrio tra il diritto della religione di ognuno e gli altri diritti umani, dato che diverse di queste pratiche possono causare seri abusi dei diritti umani. Tra le pratiche tradizionali dolorose sono comprese le mutilazioni genitali femminili, la preferenza sul figlio maschio (che può manifestarsi in aborti sulla base del sesso del nascituro, nel non prendersi cura delle bambine appena nate, nella discriminazione sull’ istruzione in favore dei figli maschi, su discriminazioni nell'alimentazione), i matrimoni combinati o forzati, i matrimoni tra bambini, i crimini collegati alla dote matrimoniale e quelli giustificati dall’ ”onore”, l'esclusione o la limitazione di alcuni diritti di quelli che non credono alla stessa religione del gruppo più importante all'interno della comunità, la segregazione che segue procedure religiose, e così via. Tali pratiche colpiscono donne e bambini in modo sproporzionato: invocando le tradizioni si è soliti giustificare le discriminazioni sulla base del genere e dell'età. Inoltre, in numerosi casi, ci sono situazioni che, dal punto di vista dei diritti umani, sono una violazione della dignità umana, e spesso rimangono di tabù non riconosciuti e non puniti. Alcune di queste pratiche sono basate su precetti religiosi; il fatto che sono profondamente ancorati nella cultura nella tradizione li rende difficili da eliminare. I cambiamenti devono arrivare attraverso dei cambiamenti legislativi, l'istruzione e lo sviluppo umano.
Attraverso la storia, le religioni hanno giocato un ruolo cruciale nell'imporre limitazioni sulle azioni umane con lo scopo di proteggere l'integrità fisica e psicologica o la dignità delle persone. Tuttavia, anche se le filosofie religiose hanno contribuito allo sviluppo di una coscienza dei diritti umani e della dignità, i diritti umani correlati alla religione e al credo non sono maggiormente privi delle tensioni e delle contraddizioni che sono presenti negli strumenti dei diritti umani, rispetto ad altri diritti. Come si vede nelle situazioni delle pratiche tradizionali dolorose, talvolta le convinzioni o le credenze sono usate per giustificare un ingiusto dolore fisico che può avere gravi conseguenze sulla salute.

Domanda: Ci sono pratiche religiose nella vostra comunità che considerate pericolose?

La discriminazione e l'intolleranza nelle religioni e nei culti

Non ferire gli altri in modi che tu stesso troveresti dolorosi.
Udanavarga

L'intolleranza religiosa può essere osservata a diversi livelli: tra i credenti della stessa religione (intolleranza intra religiosa); tra una religione o un comportamento religioso e un’altra, manifestandosi così in varie forme di conflitti tra le persone e i gruppi di persone (intolleranza interreligiosa); sotto forma di ateismo conflittuale oddio teismo conflittuale, che sono intolleranti rispetto alla scelta libera e alla pratica di altre religioni ho di altri impegni di fede, o sotto forma di anti secolarismo. L'intolleranza religiosa viene spesso confusa con la xenofobia o con altre forme di discriminazione; a volte viene anche usata per giustificare le discriminazioni.La maggior parte delle violazioni dei diritti umani correlate alla libertà di religione e di culto sono spesso legate alla libertà dalla discriminazione. La discriminazione nel campo della religione del credo e contraria ai diritti umani ma è comunque quotidianamente vissuta da molte persone in tutta Europa. Il fatto che la religione il culto siano spesso confusi con la cultura, la nazionalità e l'etnia lo rende più complicato ma anche più doloroso su un piano individuale: si potrebbe subire una discriminazione riguardo all’affiliazione religiosa anche nel caso in cui qualcuno non crede nella religione alla quale è associato.

La discriminazione e l'intolleranza hanno un impatto negativo sull'intera società, in particolare sui giovani che la subiscono. Gli effetti comprendono:

  • Scarsa autostima
  • Autosegregazione
  • Oppressione interiorizzata
  • Disimpegno dalle attività scolastiche
  • Non raggiungimento del proprio potenziale
  • Attrazione nei confronti di ideologie estremiste violente
  • Abbandono scolastico
  • Problemi di salute/depressione6

L'intolleranza religiosa è anche utilizzata per nutrire con l'odio, e per contribuire, ai conflitti armati, non tanto perché la religione sia la causa del conflitto ma perché l'appartenenza religiosa è utilizzata per disegnare linee di divisione tra le persone, come dimostrano i conflitti armati nei Balcani e nel Caucaso. La conseguenza del terrorismo internazionale e delle” lotte al terrorismo” sono state particolarmente devastanti in Europa e non solo, sostanzialmente perché l'intolleranza religiosa è stata mescolata con la xenofobia e il razzismo.
Non c'è nessun gruppo sociale singolo, religione o comunità che abbia il monopolio della discriminazione. Anche se i livelli di protezione della libertà di culto e di religione variano significativamente negli Stati membri del Consiglio d'Europa, l'intolleranza religiosa e la discriminazione colpisce tutti in Europa.

Intolleranza e discriminazione contro i musulmani (islamofobia)

Chiama il suo simile ha adempiuto la legge: amerai il prossimo tuo come te stesso.
San Paolo

Di particolare preoccupazione in diverse nazioni europee è l'insorgere dell'islamofobia, la paura e l'odio dell'islam, che ha come esiti discriminazioni contro i musulmani o le persone associate all'islam. L’islam è la religione più diffusa in Europa dopo la religione cristiana e quella maggioritaria in alcuni Stati membri del Consiglio d'Europa. L'ostilità nei confronti dell'islam come religione e verso le persone musulmane, in particolar modo in seguito alle “lotte al terrorismo”, ha rivelato la presenza di radicati pregiudizi contro i musulmani in molte società europee. Con la percezione della religione dell'islam associata soltanto al terrorismo e all'estremismo, l'islamofobia ha contribuito a dare un'immagine negativa dell'islam e dei musulmani, portando a un'errata generalizzazione che associa i militanti religiosi estremisti e ultraconservatori a tutti i paesi musulmani e alle persone musulmane. Questa intolleranza e questo modo di vedere stereotipato verso l'islam si sono manifestati in diversi modi, sia con forme scritte o verbali di abuso nei confronti dei musulmani, che con discriminazioni nelle scuole e nei luoghi di lavoro, che con aggressioni psicologiche e oppressioni fino ad attacchi violenti alle moschee e alle persone, in particolar modo alle donne che indossano il velo islamico. 7 In questo contesto, i mass media hanno avuto responsabilità, offrendo talvolta rappresentazioni distorte di persone musulmane, quando non completamente stereotipate e diffamatorie.
Come le altre vittime di discriminazioni basate sull'affiliazione religiosa, le discriminazioni contro i musulmani possono sovrapporsi ad altre forme di discriminazione di xenofobia, come i sentimenti di avversione verso gli stranieri, il razzismo e il sessismo.

Sei pregiudizi ricorrenti sui musulmani

Sono tutti uguali: i musulmani sono visti come molto simili tra loro, a prescindere dalla loro nazionalità, dalla classe sociale di appartenenza e dalla visione politica, e dal fatto che siano effettivamente praticanti o meno.
Sono tutti guidati dalla religione: è pensiero comune che l'unica cosa più importante per i musulmani, in ogni caso, sia la loro fede religiosa. Quindi, se un musulmano è coinvolto in un'azione violenta, si dà per certo che ciò sia perché la sua religione predica la violenza.
Completamente dediti ad altro: i musulmani sono visti come qualcuno di completamente” altro”: sembra che abbiano pochi interessi, bisogni e valori in comune con le persone che non hanno una cultura musulmana.
Culturalmente e moralmente inferiori: i musulmani sono visti come culturalmente moralmente inferiori che predisposti ad essere irrazionali e violenti, intolleranti nel modo di trattare le donne, sprezzanti nei confronti di chi ha idee diverse dalle loro, e ostili e pieni di risentimento verso il mondo occidentale senza giuste motivazioni.
Minaccia: i musulmani sono visti come una minaccia per la sicurezza, tacitamente o dichiaratamente in solidarietà con il terrorismo internazionale e dediti all’” islamizzazione” dei paesi in cui vivono.
È impossibile cooperare: come conseguenza dei precedenti 5 punti di vista, si afferma che non ci sia possibilità di collaborazione attiva tra i musulmani e le persone con religioni o background culturali diversi.
Linee guida per  Educators on Countering Intolerance and Discrimination against Muslims (educatori impegnati nel contrastare l'intolleranza e la discriminazione nei confronti dei musulmani) , OSCE/ODIHR, Council of Europe and UNESCO.

Sentimenti anticristiani (cristianofobia)

La cristianofobia si riferisce a ogni forma di discriminazione e intolleranza contro alcuni o tutti i cristiani, la religione cristiana, o le pratiche della cristianità. Come altre forme di discriminazione basate sulle religioni, chi le porta avanti può essere un fedele di altre religioni-spesso di religioni maggioritarie-come anche istituzioni secolari. L'ostilità contro i cristiani si manifesta in attacchi contro luoghi di culto, abusi verbali e, particolarmente nei paesi in cui i cristiani sono una minoranza, restrizioni sulla costruzione e talvolta sul mantenimento delle chiese o dei monasteri.
L'ostilità contro i cristiani si manifesta in attacchi contro luoghi di culto, abusi verbali e, particolarmente nei paesi in cui i cristiani sono una minoranza, restrizioni sulla costruzione e talvolta sul mantenimento delle chiese o dei monasteri. Di particolare preoccupazione sono gli aumenti degli attacchi contro i cristiani nel Medio Oriente. Una raccomandazione dell'Assemblea parlamentare su tale problema richiede, tra le altre cose, il bisogno di” aumentare la consapevolezza sul bisogno di combattere tutte le forme di fondamentalismo religioso e la manipolazione del pensiero religioso per motivi politici, che sono spesso la causa del terrorismo di oggi. L'educazione e il dialogo sono due strumenti importanti che contribuiscono alla prevenzione di tali malvagità”.8.

Domanda: Avete mai sperimentato dei pregiudizi nei vostri confronti a causa della vostra religione? Come avete reagito?

Antisemitismo

Quello che vorresti che le persone facessero a te, fallo a loro; e quello che non vorresti fosse fatto a te, non farlo a loro.
Maometto

L'antisemitismo - l'ostilità nei confronti degli ebrei come gruppo religioso o come gruppo in minoranza spesso accompagnata da discriminazioni sociali, economiche, politiche - è un esempio della combinazione tra razzismo e discriminazione religiosa. Anche quando gli obiettivi diretti dell’antisemitismo sono le persone ebree, la motivazione per le discriminazioni e la violenza non sono necessariamente basate sull'essere giudei come religione ma ebrei come popolo.
I report delle organizzazioni per i diritti umani rilevano con regolarità una crescita allarmante nel numero di attacchi antisemiti associati, in alcuni paesi, con l’insorgere di discorsi apertamente antisemiti nel dibattito politico. Gli episodi comprendono attacchi contro scuole ebree,” mentre gli studenti ebrei venivano aggrediti, molestati e offesi sempre di più, mentre andavano a scuola o in classe, anche dai loro compagni. Gli educatori riferiscono che il termine” ebreo” è diventato una parola comunemente usata come offesa tra i giovani.” 9 Piuttosto che restare confinato all'interno di cerchie estremiste, l'antisemitismo è sempre di più presente nella società.
Nella sua raccomandazione numero 9 sul contrasto all'antisemitismo, adottata nel 2004, la Commissione europea contro il razzismo e l'intolleranza raccomanda, tra le altre cose, che gli Stati membri assicurino che il diritto penale punisca gli atti antisemiti come:
-Incitamento pubblico alla violenza, all'odio o alla discriminazione nei confronti di una persona o di un gruppo di persone in ragione della loro identità o della loro origine ebraica
-Espressione pubblica, a scopo antisemita, di un'ideologia mirante a ingiuriare o a denigrare un gruppo di persone a causa della loro identità o della loro origine ebraica.
-Espressione pubblica di negazionismo, minimizzazione, approvazione o giustificazione della Shoah, dei crimini contro l'umanità o dei crimini di guerra commessi contro persone o gruppi di persone a causa della loro identità o della loro origine ebraica
-Violazione o profanazione, a scopo antisemita, di proprietà o di monumenti ebraici
-Creazione o direzione di un gruppo che promuove l'antisemitismo

L'intolleranza religiosa e la discriminazione non sono limitate all' antisemitismo, alla cristianofobia o al l'islamofobia. Tra le molte forme di discriminazione c'è il non riconoscere alcune religioni e le differenze di trattamento tra di loro. Le religioni e i sistemi di culto possono anche essere vietati, perseguitati o strettamente controllati a causa della loro presunta natura” settaria” o della loro irrilevanza che le porta ad essere ritenute” insignificanti”.
È importante ricordare che la libertà di religione e di credo comprende il diritto a cambiare la religione e il diritto di non aderire ad una religione o a non dichiararlo.

Domanda: Cosa succederebbe se decideste di scegliere una religione diversa dalla vostra famiglia e dalla vostra comunità?

Nessuno dovrebbe mai fare qualcosa a un altro se la considera dannosa per se stesso. Questa, in breve, è la regola del dharma.
Brihaspati, Mahabharata

Nonostante la crescita e il diffondersi di manifestazioni di intolleranza religiosa, è importante ricordare che la religione e i diritti umani sono perfettamente compatibili e che solo una struttura salda di diritti umani può assicurare la libertà di religione e di culto a tutti.
La storia d'Europa è, per certo, piena di esempi di violenza e di barbarie fatti in nome della religione. Queste azioni sono state fatte e sono ancora fatte da uomini e donne, non ordinate da precetti religiosi, ma da persone.
Per fortuna, la storia e la realtà del nostro mondo ci danno anche una prova evidente della possibilità delle diversità religiose: non esiste una società che sia mono religiosa e non c'è un singolo sistema di pensiero che abbia potuto prevalere, anche durante le forme più estreme di totalitarismo. In più, gli esempi di persone che si accettano tra loro nonostante le differenze religiose, e sono spesso unite nella diversità, sono molti di più che quelli di intolleranza.

Il lavoro del Consiglio d'Europa

Il libro bianco sul dialogo interculturale “Living together as Equals in Dignity” del Consiglio d’Europa (2208) riconosce che una vasta gamma di concezioni della vita religiose e secolari hanno arricchito l'eredità culturale dell'Europa e sottolinea l'importanza il dialogo interreligioso e intra religioso per la promozione e la comprensione tra le diverse culture. Sottolinea anche che il Consiglio d'Europa” rimarrà neutrale verso le diverse religioni mentre continuerà a difendere la libertà di pensiero, di coscienza e di religione, i diritti e i doveri di tutti i cittadini, e le rispettive autonomie di stato e religioni”. 10
La promozione della tolleranza religiosa e del dialogo interconfessionale e anche una delle priorità delle politiche giovanili del Consiglio d'Europa. Molti degli eventi organizzati durante la campagna All Different-All Equal nel 2007-2008 hanno permesso lo sviluppo di indicazioni e piani d'azione per promuovere il dialogo interreligioso per il lavoro con i giovani europei, compresa la Dichiarazione di Istambul dei giovani sul dialogo interreligioso e interculturale nel lavoro con i giovani12, e il Piano d’Azione di Kazam.13Tutti questi documenti sottolineano il ruolo cruciale dei giovani e delle organizzazioni giovanili nel loro contributo al cambiamento verso la tolleranza religiosa.

Scopri di più sul libro per le scuole di riferimento del Consiglio d’Europa “Religious Diversity and Intercultural Education”.11

La sfera dell'istruzione potrebbe essere un luogo di tensioni per i diritti umani correlati alla religione e al credo, come nei casi in cui il contenuto educativo era stato messo in discussione in quanto limitava la libertà di religione e culto, o in casi in cui i simboli religiosi usati dalle scuole o dagli studenti avevano causato dei conflitti. Allo stesso tempo, l'istruzione è uno degli aspetti della vita più importanti nei quali gli stereotipi i pregiudizi possono essere ribaltati. In questo spirito, l’OSCE (ODIHR), il Consiglio d’Europa e l’UNESCO hanno pubblicato le linee guida per gli educatori “Lotta  per contrastare l’intolleranza e la discriminazione nei confronti dei musulmani.14 Questo documento è stato creato con l'intento di supportare gli insegnanti, informatori degli insegnanti, gli esperti di politiche educative e anche le organizzazioni non governative attive nel campo dell'educazione non formale, nel loro lavoro contro l'islamofobia.

Religione e culto alla Corte europea dei diritti umani

Folgerø ed altri contro Norvegia (2007)
I genitori fecero appello con successo alla Corte di Strasburgo per evitare delle lezioni obbligatorie di religione su una particolare corrente del cristianesimo. La Corte rilevò che lo stato stava violando l'articolo due del protocollo n. 1, che afferma,” il diritto all'istruzione non può essere rifiutato a nessuno. Lo stato, nell'esercizio delle funzioni che assume nel campo dell'educazione e dell'insegnamento, deve rispettare il diritto dei genitori di provvedere a tale educazione e a tale insegnamento secondo le loro convinzioni religiose e filosofiche.”

Lautsi contro Italia (2011)
I bambini della signora Lautsi frequentavano una scuola pubblica dove tutte le classi avevano un crocifisso sul muro, che lei considerava contrario al principio di laicità con il quale aveva intenzione di crescere i suoi figli. Accusò, davanti alla Corte, che ciò infrangeva l'articolo 9 (libertà di pensiero, coscienza e religione) e l'articolo 2 del protocollo numero 1 (diritto all'istruzione).
La Corte non trovò nessuna violazione; sostenne in particolare che il fatto che ci fossero simboli religiosi nelle classi era, di principio, una questione che ricadeva dentro i margini decisionali dello Stato, e affermò che la decisione di apporre quei simboli non portava a una forma di indottrinamento e non c'era niente che potesse suggerire che le autorità si mostravano intolleranti nei confronti degli studenti che credevano in altre religioni, che fossero non credenti o che avessero condizioni filosofiche non religiose.

Ercep contro Turchia (2011)
Questo caso ha riguardato il rifiuto del richiedente, un testimone di Jehovah e obiettore di coscienza, di svolgere il servizio militare per ragioni di coscienza ed i suoi obblighi conseguenti per quella stessa ragione.
La Corte rilevò una violazione dell'articolo 9 e una violazione dell'articolo 6 (diritto a un giusto processo). Invitò la Turchia a modificare la legislazione riguardo agli obiettori di coscienza e ad introdurre una forma di servizio alternativa alla leva militare.

La Convenzione quadro sulla protezione delle minoranze nazionali protegge anche la religione come elemento di identità di una minoranza,” le Parti si impegnano a promuovere le condizioni adatte a permettere alle persone appartenenti a minoranze nazionali di conservare e sviluppare la loro cultura, nonché di preservare gli elementi essenziali della loro identità, cioè la loro religione, la loro lingua, le loro tradizioni e il loro patrimonio culturale.” (Articolo 5) e proibisce l'assimilazione forzata.

Il lavoro coi giovani e il culto

Nulla di ciò che respira, che esiste, che vive, o che ha essenza o potenziale di vita, dovrebbe essere distrutto o governato, o soggiogato, o danneggiato, o negato della sua essenza o potenziale. Proprio come il dolore non è desiderabile per voi, così è per tutti coloro che respirano, esistono, vivono o hanno alcuna essenza di vita.
Acaranga Sutra

La religione è una questione con cui molti giovani si confrontano nelle loro vite quotidiane a casa virgola in pubblico, al lavoro o a scuola. Il lavoro sui giovani può aiutare a rendere le differenze religiose un fattore di arricchimento culturale per loro invece che una causa di contrasto, specialmente attraverso la lente della comprensione reciproca, della tolleranza e dell'accettazione delle differenze.

Sia che lavorino a livello locale che nazionale o internazionale, gli operatori giovanili hanno bisogno di essere consapevoli del ruolo potenziale e dell'influenza della religione e del credo nello svolgimento di una determinata attività, come sugli a obiettivi programmati di quella attività. Accettare le diversità è un buon punto di inizio; costruire sulla diversità una base di forza è un modo eccellente per andare avanti. Sempre più organizzazioni giovanili lavorano attivamente nel campo del dialogo interreligioso, promuovendo un dialogo tra pari, e cercando di essere autocritici sulle proprie tradizioni religiose, con lo scopo di aumentare l’accettazione.

Prendendo in considerazione le differenze di culto e le pratiche all'interno del gruppo, prima e durante l'attività, può contribuire a costruire un'atmosfera migliore fin dall'inizio. La conoscenza di alcuni dei rituali e delle pratiche delle diverse religioni può essere molto utile e importante per il buon funzionamento e il successo di eventi rivolti ai giovani. Tenere in considerazione le norme sull'alimentazione, i luoghi e i tempi della preghiera, il calendario religioso e le pratiche quotidiane dei diversi gruppi religiosi (ad esempio il Sabbath, le preghiere del venerdì, il Ramadan, le celebrazioni domenicali, le festività) potrebbe aiutare gli organizzatori delle attività per i giovani a fornire un'atmosfera rispettosa e pacifica e anche ad evitare i problemi di svolgimento e di tempistica ed efficienza delle attività. Le particolarità del luogo in cui si svolge l'attività e le aspettative dell'ambiente che ci ospita sono ugualmente importanti, in quanto mostrano rispetto per i bisogni del gruppo e dei suoi partecipanti.
Un buon grado di sensibilità nei confronti della diversità religiosa all'interno del gruppo creerà un atteggiamento positivo e motivante e una curiosità verso le pratiche religiose e i culti degli altri. Questo potrebbe anche aiutare a promuovere il rispetto reciproco e la comprensione, mentre aiuta anche a superare tutti i forti pregiudizi collegati alle credenze e alle pratiche religiose.

Domanda: Che importanza ha la tolleranza religiosa nel vostro lavoro con i giovani?

Ama il prossimo tuo come te stesso.
Levitico

C'è una grande quantità di lavoro giovanile che è basato sulla fede, e ci sono molte organizzazioni giovanili confessionali. Il settore giovanile del Consiglio d'Europa lavora a contatto con una grande quantità di organizzazioni giovanili internazionali basate sulla religione e incoraggia la cooperazione tra queste. Al centro europeo per la gioventù le sessioni studio e le attività di formazione comprendono regolarmente organizzazioni come:

  • Consiglio ecumenico dei giovani in Europa
  • Alleanza Europea delle YMCA
  • Consiglio Eurpeo dei giovani Bahai
  • European Fellowship of Christian Youth
  • Unione europea degli student ebrei
  • Forum delle Organizzazioni Giovanili e Studentesche Musulmane Europee
  • Federazione internazionale delle organizzazioni cattoliche giovanili
  • Movimento internazionale della Gioventù Agricola e rurale cattolica
  • Movimento internazionale degli studenti cattolici
  • Forum dei giovani della Conferenza islamica per il dialogo e la cooperazione
  • Forum dei giovani Pax Christi
  • Syndesmos- federazione mondiale della gioventù ortodossa
  • Allenaza universlae Siriaca
  • Unione Cristiana delle giovani YWCA
  • Federazione Cristiana mondiale studenti

Considera il guadagno del tuo prossimo come tuo guadagno, e la perdita del tuo prossimo come tua perdita.
T'ai Shang Kan Ying P'ien

Alcune di queste organizzazioni si sono unite all'interno del Forum europeo della gioventù e hanno costituito il Gruppo basato sulle fedi delle organizzazioni giovanili con lo scopo di imparare dagli altri, di promuovere la diversità e di combattere la discriminazione e l'odio.  Con le integrazioni di European Peer Training Organisation (Rete europea di giovani formatori EPTO), dell’Unione Europea degli studenti ebrei , del Consiglio Ecumenico dei giovani in Europa, del Forum delle organizzazioni giovanili e studentesche Musulmane europee , della Federazione internazionale delle organizzazioni cattoliche giovanili, del Movimento internazionale degli studenti cattolici, di Pax Christi International e della Federazione mondiale degli studenti cristiani, il Gruppo degli Esperti ha prodotto, nel 2008, un kit di strumenti sul dialogo interreligioso nel lavoro giovanile – Living Faiths Together. Il kit, pubblicato dal Forum europeo dei Giovani, dà informazioni sulle religioni monoteiste e propone numerose metodologie e attività per comprendere e smontare i pregiudizi e gli stereotipi collegati alla religione e per promuovere il dialogo interreligioso. Il kit può essere scaricato dal sito Internet del Forum Europeo dei Giovani (www.youthforum.org) o dai siti delle organizzazioni cooperanti.

Note finali

1 http://en.wikipedia.org/wiki/Religion (riferimenti presi il 9 luglio 2012)
2  Religion (2007) Encyclopædia Britannica at: www.britannica.com/eb/article-9063138
3 LindaWoodhead, con Rebecca Catto: "Religion or belief": Identifying issues and priorities. Equality and Human Rights Commission, 2009, p. iii: www.equalityhumanrights.com/uploaded_files/research/research_report_48__religion_or_belief.pdf
4 Le principali religioni del mondo classificate in base al numero di credenti: www.adherents.com/Religions_By_Adherents.html
5 General Comment 22 of the UN Human Rights Committee on Article 18 of the ICCPR
6 OSCE/ODIHR, Council of Europe, UNESCO, Guidelines for Educators on Countering Intolerance and Discrimination against Muslims, 2011 
7 FAIR (Forum Against Islamophobia and Racism), disponibile su: www.fairuk.org/introduction.htm
8 Raccomandazione n 1957 (2011)  dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa "Violence against Christians in the Middle East"  
9 OSCE-ODIHR and Yad Vashem, Addressing Anti-Semitism: Why and How? A Guide for Educators, 2007
10 Consiglio d'Europa, Libro bianco sul dialogo interculturale "Living together as equals in dignity", Presentato dal Consiglio dei ministri degli affari esteri durante la loro sessione ministerial 118 (Strasburgo, 7 maggio 2008), p. 23, disponibile su: www.coe.int/t/dg4/intercultural/Source/Pub_White_Paper/White%20Paper_final_revised_EN.pdf See also San Marino Declaration of 2007  
11 www.coe.int/t/dg4/education/edc/Source/Pdf/Coordinators/2006_14_CDED_ReligiousDiversity.pdf
12 "Istanbul Youth Declaration on Inter-Religious and Intercultural Dialogue in Youth Work", Symposium Inter-religious and Intercultural Dialogue in Youth Work, Istanbul, Turkey, 27-31 marzo 2007: www.coe.int/t/dg4/youth/Source/Resources/Documents/2008_Istanbul_Declaration_en.pdf
13 "Kazan Action Plan", International Youth Forum "Intercultural Dialogue and its Religious Dimension", Kazan, Republic of Tatarstan, Russian Federation, 30 November  – 4 dicembre 2008: www.coe.int/t/dg4/youth/Source/Resources/Documents/2008_Kazan_Action_Plan_en.pdf
14 Guidelines for Educators on Countering Intolerance and Discrimination against Muslims, OSCE/ODIHR, Consiglio d'Europa, UNESCO, 2011: www.coe.int/t/dg4/education/edc/resources

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web
Key Date
  • 27 gennaioGiorno della memoria dell'Olocausto
  • 21 marzoGiornata internazionale per l'eliminazione della discriminazione razziale
  • 15 maggioGiornata internazionale dell'obiezione di coscienza
  • 21 maggioGiornata mondiale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo
  • 9 agostoGiornata internazionale delle persone indigene
  • 21 settembreGiornata internazionale della pace
  • 16 novembreGiornata internazionale per la tolleranza