Retour

La Tunisia aderisce alla Convenzione per la protezione dei bambini contro lo sfruttamento e gli abusi sessuali

Convenzione di Lanzarote Strasburgo 15 ottobre 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Naziha Laâbidi e Gabriella Battaini-Dragoni

Naziha Laâbidi e Gabriella Battaini-Dragoni

Da oggi, la Tunisia è il 45° Stato ad aderire alla Convenzione per la protezione dei bambini contro lo sfruttamento e gli abusi sessuali (STCE n° 201 - "Convenzione di Lanzarote"). Naziha Laabidi, Ministro delle donne, della famiglia e dell'infanzia, ha depositato lo strumento di adesione nel corso di una cerimonia organizzata alla presenza della Vice Segretario generale del Consiglio d'Europa, Gabriella Battaini-Dragoni.

Si tratta di un evento dalla "forte valenza simbolica", ha dichiarato la Vice Segretario generale del Consiglio d'Europa, ponendo l’accento sul fatto che la Tunisia è stato il primo paese non membro ad aderire alla Convenzione. "Il nostro lavoro volto alla criminalizzazione dei reati sessuali a danno di minori, alla protezione delle vittime e al perseguimento degli autori di tali reati si estende ormai oltre i confini europei", ha aggiunto. "Ci auguriamo che ciò possa incoraggiare altri paesi del mondo, nonché i pochi Stati membri del Consiglio d'Europa che non sono ancora parti alla Convenzione, ad aderire a questo strumento senza pari per proteggere i propri figli da tale crimine efferato”.

La Convenzione entrerà in vigore in Tunisia il 1° febbraio 2020.


Agenda Agenda
Nous suivre Nous suivre

       

Galeries photos Galeries photos
galleries link
Facebook Facebook
@coe sur Twitter @coe sur Twitter