Zurück

La Segretaria generale mette in guardia contro una crisi umanitaria nel Nagorno-Karabakh

Segretario generale Strasburgo 1 ottobre 2020
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
La Segretaria generale mette in guardia contro una crisi umanitaria nel Nagorno-Karabakh

La Segretaria generale del Consiglio d'Europa, Marija Pejčinović Burić, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione:

"Con l’intensificarsi del conflitto armato nel Nagorno-Karabakh e il crescente numero di vittime tra i civili, deploro la morte di numerose persone, compresi i civili, che sono rimaste vittime delle ostilità. Nessuna considerazione politica può giustificare l'orrore e la sofferenza di queste donne, uomini e bambini. Esorto tutte le parti in conflitto a porre immediatamente fine alle ostilità e ad attuare senza indugio le misure provvisorie decise dalla Corte europea dei diritti dell'uomo. Una soluzione pacifica deve essere trovata al tavolo dei negoziati per evitare una grave crisi umanitaria".

La Segretaria generale ha ribadito il proprio sostegno al lavoro condotto in tal senso dai copresidenti del Gruppo di Minsk dell'OSCE.


Termine Termine
20. JANUAR 2021 ONLINEVERANSTALTUNG (13.00 – 15.45 Uhr MEZ)

Konferenz über Künstliche Intelligenz

Der Europarat auf Der Europarat auf

       

Bilderdatenbank Bilderdatenbank
galleries link
Facebook Facebook
@coe auf Twitter @coe auf Twitter