Indietro

Svezia: superare la modalità di emergenza nelle aree relative all’immigrazione per potenziare i diritti umani

Dichiarazione del Commissario per i diritti umani Nils Muižnieks al termine di una visita di cinque giorni nel paese
Commissario per i diritti umani Strasburgo 6 ottobre 2017
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Svezia: superare la modalità di emergenza nelle aree relative all’immigrazione per potenziare i diritti umani

“La Svezia ha ricoperto un ruolo di leader in ambito di assistenza alle persone che necessitano di protezione internazionale; occorre proseguire su questa strada”, ha dichiarato oggi Nils Muižnieks, Commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, al termine di una visita di cinque giorni in Svezia. Accogliendo con favore le iniziative della Svezia relative ai programmi di ricollocazione e reinsediamento, il Commissario ha ribadito l’urgente necessità di accrescere la solidarietà europea e di garantire alle persone un accesso sicuro e legale alla protezione in Europa.

Osservando la rapida riduzione del numero di richiedenti asilo, dopo la cifra record di 163.000 nel 2015, il Commissario ha espresso l’auspicio che le misure temporanee che hanno introdotto restrizioni nel 2016 in risposta a tale aumento saranno abolite prima della scadenza del 2019. “La necessità di superare la modalità di emergenza è particolarmente urgente quando si tratta di limitazioni al diritto al ricongiungimento familiare”, ha dichiarato il Commissario.

Comunicato stampa completo - Svezia: superare la modalità di emergenza nelle aree relative all'immigrazione per potenziare i diritti umani


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter