Conferenza Octopus sulla criminalità informatica: prove elettroniche nel cyberspazio, dati consultabili nel database WHOIS, cyber-violenza, situazione della legislazione a livello mondiale

Strasburgo 11-13 luglio
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF

Ministri e altri alti responsabili governativi, esperti in giustizia penale, rappresentanti dell’industria di internet, della società civile e delle organizzazioni di protezione dei dati provenienti da tutto il mondo parteciperanno alla conferenza, che inizierà mercoledì 11 luglio alle ore 14:00 (Emiciclo).
La conferenza esaminerà come rafforzare lo stato di diritto nel cyberspazio mediante l’adozione di un Protocollo alla Convenzione di Budapest. Saranno organizzate delle consultazioni con esponenti della società civile, esperti in materia di protezione dei dati e con rappresentanti dell’industria, per passare in rassegna delle proposte destinate a rendere più efficaci le modalità di acquisizione delle prove elettroniche necessarie nell’ambito delle indagini penali, ad esempio attraverso l'assistenza giudiziaria reciproca e una cooperazione diretta con i fornitori di servizi. Il Protocollo sarà completato alla fine del 2019. Altra questione correlata prevista all’ordine del giorno è l’accesso all’annuario WHOIS, che contiene informazioni sui nomi di dominio.
Saranno ugualmente discussi i temi della cyber violenza, la situazione mondiale della legislazione in materia di criminalità informatica e i progressi realizzati grazie ai programmi per il rafforzamento delle capacità degli Stati.
Sessanta Stati hanno ratificato la Convenzione, altri quattro l’hanno firmata e 7 altri Stati sono stati invitati ad aderirvi. Circa 140 paesi hanno tratto spunto dalla Convenzione per elaborare le loro legislazioni nazionali e sono oltre 160 i paesi che cooperano attualmente con il Consiglio d’Europa per rafforzare le loro legislazioni e le loro capacità di affrontare il problema della criminalità informatica.

Per maggiori informazioniSito web della conferenza
Contatto: Estelle Steiner, tel. +33 3 88 41 33 35, cell. +33 6 08 46 01 57


Segnaliamo inoltre...

2-6 luglio, Cagliari e Sassari (Sardegna, Italia)
In occasione della seconda sessione di valutazione, organizzata nell’ambito della nuova fase del progetto Passaporto europeo per il riconoscimento delle qualifiche dei rifugiati (EQPR), si procederà alla valutazione delle qualifiche e competenze professionali di un certo numero di rifugiati, che saranno intervistati da valutatori esperti, membri dei centri ENIC / NARIC di Germania, Armenia, Francia, Italia e Norvegia.
L’EQPR è l’unico strumento internazionale sviluppato allo scopo di facilitare il riconoscimento dei titoli di studio dei rifugiati, in assenza di un’adeguata documentazione, e di rendere valida tale valutazione anche se il rifugiato si trasferisce ulteriormente in un altro paese di accoglienza in Europa.
Contatto: Giuseppe Zaffuto, tel. +33 3 90 21 56 04

 

3 luglio, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo comunicherà per iscritto sei sentenze riguardanti Repubblica di Moldova, Romania e Russia.
Per maggiori informazioni - Sito internet della CEDU - tel. +33 3 90 21 42 08

 

5 luglio, Strasburgo (Centro europeo della gioventù, sala 3.1, ore 9:00) – L’Unità del Consiglio d’Europa Orientamento sessuale e Identità di genere (SOGI) organizzerà una conferenza sull’omosessualità e il cristianesimo contemporaneo. L’evento verterà sull’approccio interdisciplinare e multiconfessionale a questioni quali l’identità di genere e l’omosessualità, nonché sulla posizione delle Chiese cristiane sul matrimonio tra persone dello stesso sesso e sul loro ruolo nella promozione della tolleranza e della non discriminazione nei confronti delle persone LGBTI. Saranno analizzati studi di casi concreti riguardanti Grecia, Romania e Francia. Figurano tra gli oratori Padre Athanasios Gikas, Facoltà di Teologia ortodossa dell’Università di Salonicco, Anne Bamberg, Facoltà di Teologia cattolica e Isabel Grellier, Facoltà di Teologia protestante dell’Università di Strasburgo, nonché altri eminenti professori universitari e ricercatori.
Per maggiori informazioni - Programma - Contatto: Tatiana Baeva, tel. +33 3 88 41 21 41

 

5 luglio, Rabat
Su invito del Parlamento del Marocco, la Divisione per il supporto ai progetti parlamentari dell’APCE organizzerà una conferenza regionale sul tema “Le donne in politica: come progredire verso l’uguaglianza di genere?” nell’ambito del Programma Sud III.

 

5 luglio, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo comunicherà per iscritto 44 sentenze e/o decisioni riguardanti Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Francia, Georgia, Grecia, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Romania, Regno Unito, Russia, San Marino, Slovenia, Spagna, Svizzera, Repubblica ceca, “ex Repubblica jugoslava di Macedonia” e Ungheria.
Per maggiori informazioni - Sito internet della CEDU - tel. +33 3 90 21 42 08

 

8-14 luglio, Budapest (Centro europeo della gioventù)
Nell’ambito del programma “Gioventù per la democrazia”, è organizzata una formazione a livello nazionale in cooperazione con Phiren Amenca, rete di volontari rom e non rom e di organizzazioni che gestiscono progetti di servizio volontario. L’evento riunirà animatori ed educatori socio-culturali e attivisti per i diritti umani che lavorano nel paese con giovani rom e non rom. Questa iniziativa mira a sostenere l’attuazione della Carta del Consiglio d'Europa per l'educazione alla cittadinanza democratica e ai diritti umani sviluppando le competenze e le capacità dei partecipanti di agire come moltiplicatori nella promozione dell’educazione ai diritti umani. In occasione dell’evento sarà presentata la nuova traduzione in ungherese del manuale ‘Mirrors’ sul contrasto all’antiziganismo mediante l’educazione ai diritti umani.

Piano d'azione a favore dei giovani rom - Contatto: Tatiana Baeva, tel. +33 3 88 41 21 41

 

10 luglio, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo comunicherà per iscritto delle sentenze.
Sito internet della CEDU - tel. +33 3 90 21 42 08

 

11 luglio, Srebrenica-Potočari (Bosnia-Erzegovina)
Dunja Mijatović, Commissario per i diritti umani, parteciperà alla cerimonia di commemorazione del 23° anniversario del genocidio di Srebrenica.

 

12 luglio, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo comunicherà per iscritto delle sentenze e decisioni.
Sito internet della CEDU - tel. +33 3 90 21 42 08

 

16 luglio, Sarajevo
Il Consiglio d’Europa varerà il Piano d'azione per la Bosnia-Erzegovina 2018-2021. L’evento è organizzato insieme al Ministero degli Affari esteri della Bosnia-Erzegovina e sarà aperto dal ministro degli Affari esteri, Igor Crnadak, e dalla Direttrice dell’Ufficio della Direzione generale dei programmi del Consiglio d’Europa, Verena Taylor.
Contatto: Panos Kakaviatos, tel. +33 3 90 21 50 27

 

17 luglio, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo comunicherà per iscritto delle sentenze.
Sito internet della CEDU - tel. +33 3 90 21 42 08

 

17 luglio, Podgorica (Hotel Centre Ville, Cetinjska 7, Capital Plaza; ore 10:00)
Il programma congiunto Ue/Consiglio d’Europa ROMACTED, mirante a promuovere l’emancipazione e la responsabilizzazione dei Rom a livello locale, sarà lanciato ufficialmente nel Montenegro. Parteciperanno all’evento responsabili del Ministero per i diritti umani e per la protezione dei diritti delle minoranze, rappresentati degli otto comuni beneficiari del programma (Herceg Novi, Tivat, Bar, Ulcinj, Podgorica, Niksic, Bijelo Polje e Berane) e di organizzazioni internazionali. Il Programma ROMACTED, avviato nel 2017, è rivolto a oltre 50 comuni nei Balcani occidentali e in Turchia.
Contatto: Tatiana Baeva, tel. +33 3 88 41 21 41

 

 

19 luglio, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo comunicherà per iscritto delle sentenze e decisioni.
Sito internet della CEDU - tel. +33 3 90 21 42 08

 

23-24 luglio, New York
Dunja Mijatović, Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, parteciperà alla riunione dei meccanismi di controllo per la protezione dei difensori dei diritti umani.

 

23-26 luglio, Kiev e Chernigov
Su richiesta del Ministero della Gioventù e dello Sport dell’Ucraina, il Consiglio d’Europa condurrà una missione nel paese per valutare la situazione dal punto di vista delle politiche giovanili, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo della sua rete nazionale di centri della gioventù e di un eventuale Label di qualità nazionale per tali centri. Sulla base dei risultati delle valutazioni a conclusione della missione, il Dipartimento gioventù del Consiglio d'Europa proporrà una serie di raccomandazioni alle autorità ucraine, coerenti con il concetto del Label di qualità del Consiglio d'Europa per i centri della gioventù.
Per maggiori informazioni circa le Misure di assistenza ai paesi membri
Contatto: Tatiana Baeva, tel. +33 3 88 41 21 41

 

24 luglio, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo comunicherà per iscritto delle sentenze.
Sito internet della CEDU - tel. +33 3 90 21 42 08

 

26 luglio, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo comunicherà per iscritto delle sentenze e decisioni.
Sito internet della CEDU - tel. +33 3 90 21 42 08

 

29 luglio-4 agosto, Cracovia e Auschwitz
 Dikh He Na Bister è un evento giovanile organizzato in occasione della Giornata della commemorazione del genocidio dei Rom, con l’obiettivo di sensibilizzare i giovani europei, la società civile e i decisori politici sul genocidio dei Rom e sulla realtà del fenomeno dell’antiziganismo nell’Europa odierna, nel contesto delle sfide poste dal dilagare del razzismo, del discorso di incitamento all’odio e dell’estremismo.

Vi parteciperanno circa 250 giovani rom e non rom, provenienti da 15 paesi europei, che assisteranno ugualmente, il 2 agosto, alla cerimonia ufficiale di commemorazione del genocidio dei Rom. Visiteranno il Museo di Auschwitz, incontreranno dei sopravvissuti all’Olocausto e realizzeranno attività giovanili di commemorazione. L’evento è organizzato da TernYpe, Network internazionale di giovani rom, in partenariato con il Dipartimento della Gioventù del Consiglio d’Europa.

Diritto alla memoria – Manuale educativo rivolto ai giovani sul genocidio dei Rom

Per maggiori informazioni sulle attività condotte insieme a giovani rom

Contatto: Tatiana Baeva, tel. +33 3 88 41 21 41

 

2 agosto, Strasburgo (Piazzale antistante il Palais de l’Europe, ore 12:00)
Una cerimonia ufficiale si terrà in occasione della Giornata di commemorazione dell’Olocausto dei Rom. Quest’anno segna il 74° anniversario del 2 agosto 1944, data in cui circa 3.000 Rom furono sterminati nelle camere a gas del cosiddetto “Zigeunerlager” (campo degli zingari) di Auschwitz-Birkenau.
Contatto: Panos Kakaviatos, tel. +33 3 90 21 50 27

 

2 agosto, Auschwitz-Birkenau
Dunja Mijatović, Commissario per i diritti umani, parteciperà al 74° anniversario della Giornata di commemorazione dell’Olocausto dei Rom.

26-30 agosto, regione di Kaluga (Federazione russa)
Il 100 Campo internazionale per i giovani, intitolato “Dialogo”, ha l’obiettivo di sostenere le organizzazioni non governative e i giovani attivisti nelle loro attività volte a promuovere il dialogo interculturale tra i giovani e la trasformazione dei conflitti e a prevenire e combattere l’estremismo, la discriminazione e l’esclusione. Parteciperanno a questo evento circa un centinaio di giovani provenienti da Stati membri e non membri del Consiglio d’Europa; si celebrerà questo 10° anniversario con la presentazione di progetti giovanili realizzati da ex partecipanti al Campo.

Contatto: Tatiana Baeva, tel. +33 3 88 41 21 41

 

27-28 agosto, Praga
Premio dei diritti umani Václav Havel 2018 dell'APCE: prima riunione della giuria per la preselezione di tre candidati.


Contatti Contatti

Divisione Relazioni con i media del Consiglio d'Europa:
 

pressunit@coe.int
 

+33 3 88 41 25 60