Indietro

“Negli anni 1970, vi era un clima di grande ostilità”: nuovi video per celebrare 40 anni di progressi per i diritti delle persone LGBTI

Consiglio d'Europa Strasburgo 22 ottobre 2021
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
“Negli anni 1970, vi era un clima di grande ostilità”: nuovi video per celebrare 40 anni di progressi per i diritti delle persone LGBTI

In occasione del 40° anniversario della storica sentenza Dudgeon c. Regno Unito emessa dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, il Consiglio d’Europa, che riunisce 47 Stati membri, ha pubblicato una serie di video sul caso e sul relativo impatto sui diritti delle persone LGBTI.

“Nel 1981, per la prima volta in assoluto, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che le relazioni omosessuali non devono essere criminalizzate. Questa decisione ha portato a profondi cambiamenti negli atteggiamenti nei confronti delle persone LGBTI, a cominciare da una modifica della legislazione del Regno Unito, che si poi estesa in altri paesi del continente e ben oltre”, ha dichiarato la Segretaria generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejčinović Burić.

“Tuttavia, non dobbiamo dare per scontati questi progressi. Le persone LGBTI affrontano crescenti sfide in molte parti d’Europa e dobbiamo opporci fermamente alla discriminazione”.

Jeffrey Dudgeon ha subito irruzioni da parte della polizia, interrogatori invadenti sulle sue attività sessuali e la confisca dei suoi effetti personali in un’epoca in cui, nell’Irlanda del Nord, le relazioni consensuali fra persone dello stesso sesso erano illegali.

Dopo la vittoria di Jeffrey Dudgeon dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo, l’omosessualità è stata depenalizzata nell’Irlanda del Nord, nel Regno Unito e, infine, in tutto il continente. Il caso ha inoltre influenzato le sentenze di tribunali al di fuori dell’Europa.

I video mostrano soprattutto interviste con Dudgeon, altri attivisti LGBTI, il giudice del Regno Unito presso la Corte europea dei diritti dell’uomo, Tim Eicke, e il Capo dell’Unità Orientamento sessuale e identità di genere (SOGI) del Consiglio d’Europa, Eleni Tsetsekou.

I video spiegano il contesto del caso, la posizione adottata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo e l’importante influenza di questa sentenza sulle norme internazionali e sulla legislazione nazionale relative alle persone LGBTI, come anche, più in generale, sulla percezione dell’omosessualità e dell’identità di genere.


 Comunicato stampa 
“Negli anni 1970, vi era un clima di grande ostilità”: nuovi video per celebrare 40 anni di progressi per i diritti delle persone LGBTI
 

 Nuovi video del Consiglio d'Europa sul caso Dudgeon c. Regno Unito: Versione completa  - Versione breve 

 In evidenza: 40° anniversario di un caso storico della Corte europea dei diritti umani che ha portato alla depenalizzazione dell'omosessualità

 Impatto della Convenzione europea dei diritti dell'uomo: Dudgeon c. Regno Unito 

 Schede della Corte europea dei diritti umani su Omosessualità: aspetti penali, Orientamento sessuale ed Identità di genere

  Scheda informativa sull'esecuzione delle sentenze della Corte europea dei diritti dell'uomo sui diritti delle persone LGBTI


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter