Indietro

Il Canada si unisce a Eurimages, il Fondo di sostegno del Consiglio d’Europa alla coproduzione cinematografica

EURIMAGES Strasburgo 16 Marzo 2017
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Alan Bowman, Osservatore permanente del Canada presso il Consiglio d'Europa e Gabriella Battaini-Dragoni, Vice Segretario generale

Alan Bowman, Osservatore permanente del Canada presso il Consiglio d'Europa e Gabriella Battaini-Dragoni, Vice Segretario generale

Il Canada è il primo paese non europeo a entrare a far parte del Fondo culturale del Consiglio d’Europa, Eurimages, in qualità di membro associato.

Il paese si unisce ai 37 Stati europei che già fanno parte del Fondo, il quale distribuisce ogni anno 25 milioni di euro per la coproduzione, la distribuzione e l’esibizione di opere cinematografiche.

Eurimages ha aperto le sue porte ai paesi non europei a dicembre 2013 e il Canada è il primo paese ad aver colto questa opportunità.

“L’adesione del Canada segna una nuova tappa per Eurimages”, dichiara la Presidente del Fondo, Catherine Trautmann, “che permetterà di rafforzare i legami già esistenti tra le industrie cinematografiche europea e canadese. Offre nuove opportunità per i produttori delle due coste dell’Atlantico, in un settore che opera sempre di più su scala mondiale. Siamo convinti che l’adesione del Canada favorirà l’istituzione di partenariati creativi e innovativi e siamo molto lieti di collaborare con i nostri omologhi canadesi”.

“Il Canada è onorato di essere il primo paese non Europeo ad aderire al Fondo di sostegno al cinema Eurimages. Il nostro governo riconosce l’importanza di sostenere i nostri creatori nell’accesso ai mercati e al pubblico internazionali e siamo lieti di approfondire la relazione del Canada con i suoi partner europei”, ha affermato l’onorevole Mélanie Joly, Ministro del Patrimonio canadese.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter