L’Europa e la migrazione al centro della Sessione estiva 2017

Strasburgo 26-30 giugno
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF

L’Europa e la migrazione saranno tra i temi centrali della sessione plenaria estiva dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE), che si terrà a Strasburgo dal 26 al 30 giugno 2017.

Mercoledì 28 giugno saranno dibattuti quattro rapporti incentrati sulla risposta umanitaria e politica alla crisi migratoria, le ripercussioni in materia di diritti umani della risposta europea alla migrazione di transito, la migrazione come opportunità per lo sviluppo europeo e l’integrazione dei rifugiati in un periodo di forti pressioni.

Tra gli oratori figurano il Segretario generale del Consiglio d’Europa Thorbjørn Jagland, il Sindaco di Atene Giorgos Kaminis, il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa Nils Muiznieks e il Ministro della Giustizia e della Migrazione svedese Morgan Johansson.

Altri momenti salienti della sessione includono dibattiti sul riconoscimento e l’applicazione del principio di responsabilità dell’Assemblea parlamentare, la promozione dell’integrità nella governance per affrontare la corruzione politica e il controllo parlamentare sulla corruzione. Sono previsti inoltre dibattiti sulla situazione in Bielorussia e sull’influenza politica esercitata su media e giornalisti indipendenti.

Interverranno Pavel Filip, Primo Ministro della Repubblica di Moldova, e Duško Markovic, Primo Ministro del Montenegro. Lubomír Zaorálek, Ministro degli Affari esteri della Repubblica ceca, si rivolgerà ai parlamentari dell’Assemblea in veste di Presidente del Comitato dei Ministri.

È stato richiesto un dibattito d’attualità sulla lotta comune europea contro il terrorismo: successi e insuccessi.

Maggiori informazioniProgetto di ordine del giornoDiretta


Donne e traffico di stupefacenti: dalla politica alla buona pratica

Roma 26-27 giugno
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF

Organizzato dal Gruppo Pompidou del Consiglio d'Europa in collaborazione con il Dipartimento politiche antidroga del governo italiano, il seminario mira a porre in rilievo le buone prassi, ma anche a individuare le problematiche più comuni cui devono far fronte le donne che soffrono di dipendenza da stupefacenti. Vi prenderanno parte rappresentanti di 24 paesi tra cui i paesi del bacino Mediterraneo, Israele, Messico e rappresentanti dell'Autorità Nazionale Palestinese.

Maggiori informazioni - Programma


Conferenza “I diritti sociali ed economici delle persone vittime di sfollamenti forzati durante i conflitti nei territori dell’ex Jugoslavia”

Sarajevo 27-28 giugno
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF

Il Consiglio d'Europa e l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati organizzeranno una conferenza sul tema “I diritti sociali ed economici delle persone vittime di sfollamenti forzati durante i conflitti nei territori dell’ex Jugoslavia”.

Oggi, dopo oltre un ventennio di sforzi volti a trovare soluzioni permanenti e durevoli, la maggior parte delle persone costrette a sfollare durante i conflitti nell’ex Jugoslavia hanno fatto ritorno alle loro case o hanno potuto integrarsi localmente, ma il problema permane per circa 350.000 persone, ancora condannate a una vita da profughi, in assenza di una soluzione duratura.

La conferenza esaminerà se, come, e in qual misura il Consiglio d’Europa e i suoi strumenti di tutela dei diritti umani, in particolare la Carta sociale europea e i suoi meccanismi di controllo, possono contribuire a definire e attuare soluzioni durature per quanto riguarda essenzialmente il diritto all’abitazione, ma anche il diritto di usufruire di prestazioni e servizi sociali.

 Sarà inoltre posto in risalto il contributo fornito dalla società civile per l’effettiva attuazione di tali diritti, che si tratti del suo coinvolgimento nell’elaborazione dei rapporti nazionali o nella procedura dei reclami collettivi.

Alle ore 9:00 è prevista una dichiarazione ai media da parte di Predrag Jović, Vice-ministro, Ministero dei diritti umani e dei rifugiati della Bosnia-Erzegovina, e dei rappresentanti del Consiglio d’Europa e dell’Alto Commissariato per i rifugiati.

La conferenza è aperta alla stampa.

Maggiori informazioni - Programma - Nota concettuale


Segnaliamo inoltre...

23-26 giugno, Albania
Una delegazione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE), composta da 22 membri e guidata da Paolo Corsini, si è recata in Albania per osservare lo svolgimento delle elezioni legislative del 25 giugno, insieme agli osservatori dell’Assemblea parlamentare dell’OSCE, del Parlamento europeo e dell’Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani (ODIHR) dell’OSCE.
Una conferenza stampa congiunta è prevista lunedì 26 giugno alle ore 15:00 presso l’Hotel Tirana International (“Classic Meeting Room”).

27 giugno, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell'uomo comunicherà per iscritto 16 sentenze.
Maggiori informazioni - Sito della CEDU, tel. +33 3 90 21 42 08

27 giugno, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo pronuncerà una sentenza di Grande Camera nel caso Satakunnan Markkinaporssi Oy e Satamedia Oy c. Finlandia, in udienza pubblica (ore 14:30).
Il caso riguarda il divieto imposto a due società editrici di pubblicare dati fiscali.
Maggiori informazioni - Sito della CEDU, tel. +33 3 90 21 42 08

27 giugno, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo pronuncerà una sentenza di Grande Camera nel caso Medžlis Islamske Zajednice Brčko e altri c. Bosnia-Erzegovina in udienza pubblica (ore 15:00).
Il caso riguarda la condanna in sede civile per diffamazione di quattro organizzazioni a seguito di una lettera da esse inviata alle massime autorità del distretto, nella quale criticavano una candidatura per l’incarico di direttore dell’emittente radiofonica e televisiva multietnica del distretto di Brčko. Poco tempo dopo l’invio, tale lettera è stata pubblicata in numerosi quotidiani.
Maggiori informazioni - Sito della CEDU, tel. +33 3 90 21 42 08

28 giugno, Strasburgo (Palais de l’Europe, davanti all'emiciclo, 10:30 - 17:30)
Una Biblioteca vivente sarà organizzata dalla Divisione della Gioventù e dalle Commissioni Migrazioni e Uguaglianza dell’APCE, nel quadro della campagna parlamentare mirante a porre fine alla detenzione di bambini migranti e a illustrare le attività lanciate dall’Assemblea parlamentare in occasione della Giornata delle migrazioni. 

28 giugno, Strasburgo, (Palais de l’Europe, sala 5, 13:00-14:00)

In che modo le politiche a favore dell’integrazione condotte dalle città possono contribuire a favorire una migliore inclusione dei migranti a livello nazionale? L’evento, che si svolgerà nel quadro del Programma Città interculturali (ICC), sotto il patrocinio dei parlamentari Huovinen (Finlandia) e Santerini (Italia), a margine della sessione estiva dell’Assemblea parlamentare (APCE), evidenzierà mezzi innovativi per raccogliere le sfide e le opportunità offerte dalla mobilità umana. Figurano tra gli oratori Gabriella Battaini-Dragoni, Vice Segretario generale del Consiglio d’Europa, e Snežana Samardžić-Marković, Direttrice generale della Direzione della Democrazia.
Contatto: Giuseppe Zaffuto, tel. +33 3 90 21 56 04

29 giugno, Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell'uomo comunicherà per iscritto 18 sentenze e/o decisioni.
Maggiori informazioni - Sito della CEDU, tel. +33 3 90 21 42 08

29-30 giugno, Dublino
Il Segretario generale Thorbjørn Jagland effettuerà una visita di lavoro a Dublino.
Contatto: Daniel Höltgen, tel. +33 6 68 29 87 51

30 June, Strasbourg
La Vice Segretario generale, Gabriella Battaini-Dragoni, interverrà alla chiusura della Sessione estiva della Conferenza delle OING.
Contatto: Giuseppe Zaffuto, tel. +33 3 90 21 56 04


Contatti Contatti

Divisione Relazioni con i media del Consiglio d'Europa:
 

pressunit@coe.int
 

+33 3 88 41 25 60