Indietro

Il rapporto del GREVIO presenta le tendenze nell’ambito della lotta alla violenza contro le donne

Consiglio d'Europa Strasburgo 12 aprile 2021
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Il rapporto del GREVIO presenta le tendenze nell’ambito della lotta alla violenza contro le donne

Le tendenze e le buone pratiche nelle misure volte a porre fine alla volenza contro le donne sono presentate in un nuovo rapporto basato su 17 paesi in Europa, e relativo alla sua attività da giugno 2019 a dicembre 2020. Il rapporto è stato pubblicato dal GREVIO, il Gruppo di esperti indipendenti del Consiglio d’Europa incaricato di monitorare l’attuazione della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul).

Sottolinea le tendenze nella fornitura di servizi alle vittime e le esamina nel contesto della pandemia che ha notevolmente aumentato la necessità offrire assistenza a queste persone. Il rapporto mostra inoltre la misura in cui la pandemia ha portato alla luce le carenze persistenti relative ai servizi specializzati, con un impatto significativo sulla possibilità delle donne e delle ragazze di accedere a servizi di assistenza specializzati per le diverse forme di violenza che potrebbero subire.

Ad esempio, sebbene la maggior parte dei paesi abbia sviluppato reti più ampie e più forti di servizi di assistenza specializzati per le vittime di violenza domestica, i servizi per le vittime di altre forme di violenza – dalla violenza sessuale e la mutilazione genitale femminile, al matrimonio forzato e le molestie sessuali – sono disponibili in “numero molto ridotto”, se non del tutto assenti. Pertanto, il GREVIO sottolinea spesso la necessità di istituire servizi di assistenza specializzati per forme di violenza diverse dalla violenza domestica.

Sebbene tutti gli Stati aderenti abbiano istituito linee telefoniche per fornire assistenza e informazioni alle vittime di violenza basata sul genere, molti non sono “sufficientemente conformi” all’insieme dei requisiti riguardanti le linee telefoniche definiti dalla Convenzione. Nei suoi rapporti di valutazione di riferimento, il GREVIO osserva che le linee telefoniche devono essere rivolte specificamente alle donne vittime di violenza, e che il personale che fornisce informazioni e consulenza deve essere formato in questo ambito.


 Dichiarazione della Presidente del GREVIO, Marceline Naudi


 Comunicato Stampa
Il nuovo rapporto del GREVIO presenta le tendenze nell'ambito della lotta alla violenza contro le donne


L'agenda L'agenda
Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter