Indietro

Il Rappresentante Speciale del Segretario Generale per la migrazione e i rifugiati pubblica il rapporto sulla sua missione in Bosnia-Erzegovina

Rappresentante Speciale del Segretario Generale per la migrazione e i rifugiati Strasburgo 8 luglio 2021
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Photo credit: IOM

Photo credit: IOM

Il Rappresentante Speciale del Segretario Generale per la migrazione e i rifugiati, l'Ambasciatore Drahoslav Štefánek, ha pubblicato un rapporto sulla sua missione informativa in Bosnia-Erzegovina. Lo scopo della missione era di fornire un quadro della situazione attuale dei migranti, dei rifugiati e dei richiedenti asilo in Bosnia-Erzegovina, con particolare attenzione alle persone vulnerabili, comprese le famiglie con bambini, i bambini non accompagnati e separati e le donne. Il rapporto si concentra sugli aspetti che hanno un impatto significativo sul rispetto dei diritti umani dei migranti e dei rifugiati, vale a dire: le condizioni di accoglienza, il trattamento delle categorie vulnerabili e l'accesso all'asilo.

Tra i risultati, il Rappresentante Speciale raccomanda di sostenere le autorità nello sviluppo e nell'attuazione di una politica nazionale in grado di strutturare e coordinare la risposta istituzionale del paese ai fenomeni migratori, in conformità con gli obblighi internazionali. Raccomanda inoltre di migliorare la disposizione dei servizi necessari, tra cui l'alloggio, la fornitura di cibo e il sostegno nella prevenzione della Covid-19, l'alloggio adattato per i bambini non accompagnati e separati, e le misure di risposta tra i migranti e i richiedenti asilo - in particolare nel cantone di Una-Sana - attraverso il sostegno finanziario della Banca di Sviluppo del Consiglio d'Europa, richiesto dalle autorità della Bosnia-Erzegovina.

"Al momento della mia visita, le condizioni nel campo di tende militari di emergenza di Lipa erano dure e terribili, in aggiunta alle forti nevicate. Il campo ospitava circa 1.000 uomini, che vivevano in grandi tende militari riscaldate da cannoni ad aria, azionati da generatori elettrici. Tuttavia, i bisogni di base dei residenti erano assicurati. Le autorità hanno fatto del loro meglio in circostanze drammatiche e fortunatamente non sono state registrate vittime, né casi di gravi problemi di sanità. Per evitare il ripetersi della crisi di questo inverno, è essenziale la creazione di una solida base per una soluzione sostenibile nella zona di Bihac", ha dichiarato il Rappresentante Speciale Drahoslav Štefánek.

Il rapporto si basa sulle principali conclusioni e raccomandazioni formulate nel rapporto redatto dall'ex Rappresentante Speciale del Segretario Generale per la migrazione e i rifugiati, pubblicato nell'aprile 2019.


 Comunicato stampa
Il Rappresentante Speciale del Segretario Generale per la migrazione e i rifugiati pubblica il rapporto sulla sua missione in Bosnia-Erzegovina


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter