Indietro

Prevenzione della corruzione di parlamentari, giudici e pubblici ministeri: la Francia può fare di più

Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO) Strasburgo 1 ottobre 2020
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Prevenzione della corruzione di parlamentari, giudici e pubblici ministeri: la Francia può fare di più

 In un nuovo rapporto pubblicato oggi, il Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO) del Consiglio d’Europa nota che sono stati compiuti alcuni progressi riguardanti i parlamentari, come il controllo delle spese operative dei senatori, il sistema per affrontare i conflitti di interessi, la regolamentazione relativa ai doni in seno alle due assemblee e la pubblicazione online di doni e inviti dichiarati dai membri dell’Assemblea nazionale.

Chiede alle autorità di portare avanti questi progressi, in particolare per quanto riguarda il controllo delle spese operative dei membri dell’Assemblea e la pubblicazione online delle dichiarazioni patrimoniali degli stessi. Il GRECO esprime tuttavia rammarico per il fatto che i progressi notati nel rapporto precedente e riguardanti il sistema giudiziario non siano stati mantenuti. Diverse raccomandazioni sul Consiglio superiore della magistratura (CSM) non sono state ancora attuate o sono state attuate solo parzialmente più di sei anni dopo l’adozione del primo rapporto su tale questione nel 2013. Le raccomandazioni chiedono che l’autorità disciplinare sui giudici si concentri nelle mani del CSM e che la nomina e la procedura disciplinare relative ai pubblici ministeri sia in linea con quelle applicabili ai giudici.

Alla luce di queste conclusioni, la procedura di non conformità giungerà a termine e il GRECO continuerà la sua regolare procedura di monitoraggio nei confronti della Francia, che dovrà presentare entro settembre 2021 un rapporto sui progressi compiuti nell’attuazione le sei (di undici) raccomandazioni ancora in sospeso.


Comunicato stampa
Prevenzione della corruzione di parlamentari, giudici e pubblici ministeri: la Francia può fare di più


Sito web del GRECO


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter