Indietro

La situazione preoccupante in Kazakistan in materia di corruzione richiede maggiore trasparenza e indipendenza

GRECO Strasburgo 15 giugno 2022
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
La situazione preoccupante in Kazakistan in materia di corruzione richiede maggiore trasparenza e indipendenza

Il Gruppo di Stati del Consiglio d’Europa contro la corruzione (GRECO) ha pubblicato il suo primo rapporto di valutazione sul Kazakistan, riguardante una serie di questioni, quali l’indipendenza, la specializzazione e i mezzi di cui dispongono gli organi nazionali responsabili della prevenzione e del contrasto alla corruzione, la natura e la portata delle immunità, i proventi della corruzione, l’amministrazione pubblica e la responsabilità delle persone giuridiche in caso di corruzione. Il GRECO ha rivolto 27 raccomandazioni al Kazakistan e ne valuterà l’attuazione alla fine del 2023. (si vedano inoltre le traduzioni non ufficiali in russo e kazako fornite dalle autorità).

La corruzione è fonte di grave preoccupazione in Kazakistan. Secondo il GRECO, è radicata nei diversi settori, nelle istituzioni, nella sfera pubblica e privata, ma è difficile stabilire la reale portata del problema, vista l’assenza di informazioni affidabili. Le lacune del quadro normativo di lotta contro la corruzione, la scarsa tempestività nell’elaborazione delle politiche e il controllo dei media da parte dello Stato rappresentano le principali preoccupazioni. “Pare necessario procedere a riforme fondamentali per allineare le istituzioni kazake alle norme anticorruzione”, ha concluso il GRECO.

L’istituzione dell’agenzia nazionale per la lotta alla corruzione è un’evoluzione positiva, come pure l’adozione di strategie e di iniziative specifiche orientate maggiormente alla prevenzione. Resta tuttavia ancora molto lavoro da fare per promuovere e garantire una partecipazione sufficientemente vasta dei diversi settori, pubblici e privati, e della società civile in senso lato, in particolare delle ONG e dei media indipendenti, agli sforzi volti a prevenire la corruzione, anche al di fuori dell’ambito degli organi giudiziari e di polizia.

Il GRECO sottolinea che i principi della democrazia pluralista, dello Stato di diritto e della tutela dei diritti umani sono garanzie fondamentali per prevenire e combattere efficacemente la corruzione. È altrettanto essenziale una struttura statale basata sul principio della separazione dei poteri e sul necessario sistema di controlli e contrappesi. Il GRECO invita le autorità del Kazakistan a sottoporgli un rapporto sull’attuazione delle sue raccomandazioni entro il 30 settembre 2023 e decide di procedere alla valutazione dei progressi compiuti entro la fine di tale anno.


 Comunicato stampa


 GRECO e Kazakistan


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter