Indietro

Il Segretario generale del Consiglio d’Europa esorta Bucarest a ripensare la riforma del sistema giudiziario

Segretario generale Strasburgo 22 dicembre 2017
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Il Segretario generale del Consiglio d’Europa esorta Bucarest a ripensare la riforma del sistema giudiziario

Il Segretario generale Thorbjørn Jagland ha inviato oggi una lettera al Presidente della Romania, Klaus Iohannis, esortandolo a ricorrere alla competenza della Commissione di Venezia del Consiglio d’Europa (Commissione europea per la Democrazia attraverso il Diritto) in relazione alle riforme legislative del sistema giudiziario adottate questa settimana dal Parlamento rumeno.

I testi giuridici adottati riguardano il Consiglio Superiore della Magistratura, lo stato dei giudici e dei pubblici ministeri e l’organizzazione giudiziaria.

Il Segretario generale Jagland ha dichiarato che “un parere della Commissione di Venezia farebbe chiarezza sulla compatibilità di tali testi con le norme fondamentali dello Stato di diritto”. “Sarebbe complementare all’urgente valutazione di questi testi che è in fase di preparazione da parte del Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO) del Consiglio d’Europa, alla luce delle norme anticorruzione”.

Link della lettera del Segretario generale


L'agenda L'agenda
Strasburgo (Foyer del Comitato dei Ministri, ore 13:00) 17 gennaio

Cerimonia di consegna del Premio Raoul Wallenberg del Consiglio d’Europa

Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter