Indietro

Il Consiglio d’Europa pubblica i primi rapporti di monitoraggio sulla violenza contro le donne: Austria e Principato di Monaco

Gruppo di esperti sulla lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (GREVIO) Strasburgo 27 settembre 2017
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Il Consiglio d’Europa pubblica i primi rapporti di monitoraggio sulla violenza contro le donne: Austria e Principato di Monaco

Il Gruppo di esperti del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (GREVIO) ha pubblicato i primi due rapporti di valutazione: Austria e Principato di Monaco.

In Austria, tra le altre constatazioni, il GREVIO osserva un “forte contrasto” nel numero, nella portata e nella diffusione regionale dei servizi tra i servizi per la violenza domestica e i servizi per le vittime di altre forme di violenza. Pertanto, ad esempio, a differenza delle vittime di violenza domestica che possono facilmente rivolgersi a un centro di protezione contro la violenza in tutto il paese, le vittime di stupro possono avvalersi di consulenza specializzata solo in cinque province.

Quanto al Principato di Monaco, gli esperti chiedono alle autorità di potenziare le misure di prevenzione, protezione e applicazione della legge. Sono inoltre richiesti ulteriori sforzi per affrontare una delle cause principali di questo tipo di violenza, ovvero la disuguaglianza di genere.

Formato attualmente da 10 membri, il GREVIO è l’organo di esperti indipendenti incaricato di monitorare l’attuazione della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul).


L'agenda L'agenda
Strasburgo (Edificio Agora, Sala G03; 10:30) 24-25 ottobre

10° anniversario della Convenzione di Lanzarote

Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter