Indietro

I minori migranti devono essere informati dei loro diritti

Consiglio d'Europa Strasburgo 18 dicembre 2018
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
I minori migranti devono essere informati dei loro diritti

I minori migranti hanno il diritto di essere informati dei loro diritti. Tali informazioni sono cruciali per far ascoltare la loro voce e per consentire loro di partecipare alle procedure che li riguardano. Questi minori, nonostante rappresentino oggi uno dei gruppi più vulnerabili in Europa, affrontano ostacoli nell’accesso a informazioni adeguate per i minori e appropriate all’età.

In risposta a tali sfide, in occasione della Giornata internazionale dei migranti celebrata oggi, il Consiglio d’Europa ha lanciato il Manuale per professionisti in prima linea su come fornire ai minori migranti informazioni adatte ai minori.

Il Rappresentante speciale del Segretario generale sulla migrazione e i rifugiati Tomáš Boček ha dichiarato: “La protezione dei minori rifugiati e migranti è una delle priorità tra le attività del Consiglio d’Europa. Elaborato nel quadro del Piano d’azione sulla protezione dei minori rifugiati e migranti, il manuale sulle informazioni adatte ai minori è cruciale per la sicurezza dei minori e la loro possibilità di accedere ai loro diritti. Questo manuale tratta inoltre una delle principali sfide che affrontano oggi i paesi”.

Il manuale include esempi di pratiche promettenti attuate in Europa, suggerimenti pratici per porre in evidenza modi di mettere in pratica queste linee guida, situazioni specifiche o fattori di rischio che aumenterebbero la vulnerabilità dei minori o accrescerebbero gli ostacoli all’accesso ai diritti, domande che i minori potrebbero avere in fasi diverse del loro percorso, consigli da parte dei minori e “regole d’oro” per ciascun contesto.

Sono incluse nel manuale anche alcune citazioni fatte da minori. “In classe, alcuni provano un po’ di imbarazzo, altri sono timidi e altri ancora si vergognano di non sapere. Si sentono bloccati. Ognuno ha la sua storia. Alcuni sono fisicamente presenti, sono in classe ma con la testa sono altrove. Pensano al loro passato. A volte le persone hanno paura, la loro situazione è molto complicata, non è facile”, afferma Hafidjou, 15 anni.

Il manuale è stato lanciato nell'ambito della Strategia per i diritti dei minori (2016-2021).

  • Intervista con Ellen Van Vooren, ricercatrice e consulente politica, Children’s Rights Knowledge Centre (KeKi), uno degli autori del rapporto

L'agenda L'agenda
19 settembre 2019 STRASBURGO (AGORA, Sala G03)

Premio Nord-Sud del Consiglio d’Europa

Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter