Back

Traffico di organi umani: entra in vigore la Convenzione del Consiglio d’Europa

Il Segretario generale, Thorbjørn Jagland, invita gli Stati ad aderire al trattato
Consiglio d'Europa Strasburgo 1 marzo 2018
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Shutterstock.com

Shutterstock.com

La Convenzione del Consiglio d’Europa contro il traffico di organi umani è entrata in vigore oggi nei primi cinque Stati che l’hanno ratificata: Albania, Repubblica ceca, Malta, Repubblica di Moldova e Norvegia.

La convenzione, primo trattato internazionale volto a prevenire e combattere il traffico di organi umani, è stata firmata da altri 17 Stati, che non l'hanno ancora ratificata: Armenia, Austria, Belgio, Federazione russa, Grecia, Italia, Irlanda, Lettonia, Lussemburgo, Montenegro, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera, Turchia, e Ucraina.

Thorbjørn Jagland, Segretario generale del Consiglio d’Europa, ha espresso soddisfazione per l’entrata in vigore della convenzione, invitando gli altri Stati in Europa e al di là dei confini europei ad aderirvi senza indugio.

“L’abietto traffico di organi umani provoca gravi violazioni dei diritti umani, che dobbiamo prevenire e combattere vigorosamente. Tali reati sono spesso commessi da gruppi criminali organizzati ed hanno una dimensione multinazionale. I governi devono agire in modo tempestivo e cooperare efficacemente, utilizzando il quadro giuridico offerto dalla convenzione”, ha affermato il Segretario generale.


follow us follow us

       

Galleries Galleries
galleries link
Facebook Facebook
@coe on Twitter @coe on Twitter