Indietro

Spagna: progressi limitati nelle misure per combattere la corruzione in relazione a parlamentari, giudici e pubblici ministeri

greco Strasburgo 3 gennaio 2018
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Spagna: progressi limitati nelle misure per combattere la corruzione in relazione a parlamentari, giudici e pubblici ministeri

Il GRECO, organo anti-corruzione del Consiglio d’Europa, ha pubblicato oggi un rapporto in cui valuta la conformità della Spagna alle sue raccomandazioni per prevenire e combattere la corruzione in relazione a parlamentari, giudici e pubblici ministeri.

A quattro anni dall’adozione del Rapporto del quarto ciclo di valutazione a dicembre 2013, il GRECO conclude che la Spagna ha compiuto progressi limitati nel conformarsi alle sue raccomandazioni e che il livello di conformità del paese rimane "globalmente insoddisfacente". La Spagna non ha ancora attuato completamente nessuna delle undici raccomandazioni emesse dal GRECO nel 2013. Sette raccomandazioni sono state attuate parzialmente e quattro non sono state attuate affatto.

In relazione ai parlamentari, diverse raccomandazioni sono in attesa di attuazione, tra cui l’adozione di un codice di condotta in entrambe le Camere e una completa revisione del regime dell’informativa finanziaria. Una bozza sull’attività di lobbying sembra essere in corso, il che rappresenta un passo avanti verso una maggiore trasparenza sul modo in cui i parlamentari interagiscono con i lobbisti e altre parti.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter