Indietro

Riunire gli elementi costitutivi della democrazia per rispondere al nazionalismo violento

Conferenza europea sulla democrazia e sui diritti umani
Vice Segretario generale Strasburgo 6 maggio 2022
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Riunire gli elementi costitutivi della democrazia per rispondere al nazionalismo violento

L’Europa dovrebbe rispondere al nazionalismo violento “riunendo gli elementi costitutivi della democrazia” per “costruire qualcosa di più forte e più resiliente che mai”, ha dichiarato il Vice Segretario generale Bjørn Berge, durante la terza Conferenza europea annuale sulla democrazia e sui diritti umani a Kristiansand, Norvegia.

Nel suo discorso di apertura, Berge ha dichiarato ai delegati che l’invasione militare dell’Ucraina da parte della Russia è un esempio “estremo e urgente” di nazionalismo violento e aggressivo che mette in discussione il multilateralismo e “il tessuto stesso dell’ordine democratico”.

In risposta, occorre fare tutto il possibile per “difendere e proteggere le democrazie dinamiche e libere in tutta l’Europa”.

Ciò implica intensificare gli sforzi per sostenere alcuni paesi specifici, tornare ai principi democratici fondamentali sanciti nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo, come la libertà di espressione o la libertà di assemblea o associazione, e garantire l’indipendenza della giustizia.

Secondo Berge la costruzione di un’Europa più forte è possibile se c’è “unità, volontà e determinazione”.

Fra gli altri relatori principali della Conferenza figurano la leader del movimento democratico bielorusso, Sviatlana Tsikhanouskaya, e il Ministro degli Affari esteri irlandese, Thomas Byrne.

Il testo completo del discorso del Vice Segretario generale è disponibile qui.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter