Indietro

Malta deve intensificare gli sforzi per migliorare la protezione dei diritti delle donne e dei migranti

Commissario per i diritti umani Valletta 10 novembre 2017
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Nils Muižnieks durante la sua visita di quattro giorni a Malta

Nils Muižnieks durante la sua visita di quattro giorni a Malta

“Apprezzo gli sforzi del governo volti a combattere la violenza domestica a Malta. Il recepimento nel diritto nazionale della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, attualmente in discussione in seno al Parlamento, rappresenta un passo avanti decisivo”, ha affermato oggi Nils Muižnieks, Commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, a conclusione della sua visita di quattro giorni a Malta.

Il Commissario si è dichiarato convinto che il disegno di legge attualmente pendente dinanzi al Parlamento sulla prevenzione della violenza di genere e della violenza domestica stabilirà il quadro giuridico appropriato per affrontare tali problematiche. “Gli sforzi costanti per istituire una strategia globale per coordinare l’insieme dei servizi pubblici, comprese le forze dell’ordine, è un segnale positivo, dal momento che tutte le denunce di violenza domestica devono essere oggetto di indagini efficaci e ogni vittima deve essere trattata con la debita attenzione”, ha aggiunto il Commissario Muižnieks. Nell’esprimere la speranza di una prossima giurisprudenza più sviluppata e dissuasiva in questo campo, il Commissario ha incoraggiato le autorità maltesi a fornire una formazione continua a un numero sempre maggiore di funzionari delle forze dell’ordine, pubblici ministeri e giudici e a raccogliere ed analizzare in modo sistematico i dati relativi alla violenza domestica.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter