Indietro

I Ministri degli Affari Esteri si riuniscono a Torino per discutere delle misure da prendere in seguito all’aggressione dell’Ucraina da parte della Russia

Presidenza del Comitato dei Ministri Strasburgo 16 maggio 2022
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
I Ministri degli Affari Esteri si riuniscono a Torino per discutere delle misure da prendere in seguito all’aggressione dell’Ucraina da parte della Russia

Oggi, venerdì 20 maggio 2022, i Ministri degli Affari Esteri dei 46 Stati membri del Consiglio d’Europa terranno la loro sessione annuale a Torino (Italia). L’incontro si svolgerà nel contesto dell’aggressione dell’Ucraina da parte della Federazione russa, la quale, di conseguenza, è stata esclusa dall’Organizzazione.

La riunione offrirà ai ministri un’occasione per mostrare sostegno e solidarietà nei confronti dell’Ucraina e del suo popolo. I ministri potranno inoltre ribadire la loro unità verso i valori del Consiglio d’Europa: pace, democrazia, stato di diritto e diritti fondamentali, nonchè la convizione della necessità di una cooperazione multilaterale fondata su questi valori. Inoltre, definiranno le misure per rafforzare la capacità dell’Organizzazione nel portare avanti la sua missione in questo nuovo contesto politico.

La sessione, presieduta da Luigi Di Maio, Ministro italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, fornirà ai ministri la possibilità di esaminare lo stato dei diritti umani, della democrazia e dello stato di diritto sulla base del rapporto annuale della Segretaria generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejčinović Burić. Allo stesso modo, discuteranno il ruolo che riveste l’Organizzazione nel risolvere conflitti e crisi in Europa e la sua cooperazione con l’Unione europea.

Inoltre, la sessione darà modo ai ministri di prendere decisioni sull’attività dell’Organizzazione in aree quali: intelligenza artificiale e criminalità informatica, libertà di espressione, lotta contro il discorso d’odio, monitoraggio del Consiglio d’Europa, in particolare una migliore protezione di dirittti sociali, diritti fondamentali e ambiente, partecipazione delle organizzazioni della società civile e istituzioni nazionali dei diritti umani, giustizia riparatoria, cultura e patrimonio culturale, diritti dei minori, tutela dei diritti di donne e ragazze migranti, rifugiate e richiedenti asilo, e dialogo interreligioso. Al termine della sessione ministeriale, l’Italia cederà la Presidenza del Comitato dei Ministri all’Irlanda. Il Ministro degli Affari Esteri irlandese Simon Coveney presenterà le priorità della Presidenza del suo Paese.


 Comunicato stampa


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter