Indietro

Garantito in Norvegia un sostegno finanziario per le minoranze nazionali, ma è necessario affrontare l’aumento dell’intolleranza

Comitato consultivo della Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali (FCNM) Strasburgo 19 maggio 2022
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Garantito in Norvegia un sostegno finanziario per le minoranze nazionali, ma è necessario affrontare l’aumento dell’intolleranza

Nel suo ultimo Parere sulla Norvegia, il Comitato consultivo della Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali (FCNM), pur riconoscendo gli sviluppi positivi sul piano legislativo e l’aumento del sostegno finanziario per la protezione dei diversi gruppi minoritari del paese, chiede alle autorità di combattere le varie forme, anche online, di discorso dell’odio e di intolleranza, in particolare l’antiziganismo, prendendo delle misure globali indirizzate all’intera società e avviando indagini e azioni penali efficaci (consultare la versione norvegese del riepilogo del Parere).

Per la prima volta, il parlamento Sami (Samediggi), ha approvato l’estensione della protezione della Convenzione quadro ai Sami. A parte questo nuovo e importante sviluppo, il campo di applicazione della Convenzione quadro resta limitato a cinque gruppi precedentemente coperti: Skogfinn, Ebrei, Kven/Finlandesi, Rom e Romani/Tater. Nel rapporto, il Comitato esorta le autorità a intensificare la loro cooperazione con il Samediggi affinché risorse in Sami del nord, adattate sul piano culturale e al nuovo programma in vigore dal 2020, siano messe a disposizione degli istituti di istruzione primaria e secondaria. Chiede inoltre alle autorità norvegesi di svolgere un ruolo attivo nel miglioramento della cooperazione transfrontaliera tra Norvegia, Finlandia e Svezia sulle questioni dei Sami e di assicurare la protezione dei loro diritti.

Un altro importante sviluppo è il miglioramento dei servizi di protezione per i minori, con l’obiettivo di garantire la non discriminazione nelle decisioni che riguardano l’allontanamento dei minori dalle loro famiglie e di assicurare che i bambini appartenenti alle minoranze continuino a mantenere legami con la cultura minoritaria. Le conclusioni presentante in questo rapporto si basano sulle informazioni fornite dalle autorità e su quelle ottenute dal Comitato presso fonti non governative durante la sua visita a Børselv/Pyssyjoki/Bissojohka, Karasjok/Kárášjohka, Tromsø e Oslo dal 23 al 27 agosto 2021.

La Convenzione quadro è giuridicamente vincolante per gli Stati membri da cui è stata ratificata e la valutazione della sua attuazione viene condotta dal Comitato dei Ministri, assistito dal Comitato consultivo. Un rapporto sull’attuazione viene pubblicato ogni cinque anni. Consultare anche i commenti del governo norvegese.

 Il Comitato consultivo della Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali e la Norvegia


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter