Indietro

Estendere i diritti, le responsabilità e lo status delle famiglie formate da persone dello stesso sesso: tendenze in Europa

Comitato dei Ministri Strasburgo 1 marzo 2018
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Estendere i diritti, le responsabilità e lo status delle famiglie formate da persone dello stesso sesso: tendenze in Europa

Una conferenza riunirà il 2 marzo 2018 a Copenaghen, Danimarca, membri dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, funzionari governativi di alto livello, organizzazioni non governative ed esperti indipendenti per dibattere dell’uguaglianza e dei diritti nella vita privata e familiare delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali (LGBTI).

La conferenza è co-organizzata dalla Presidenza danese del Comitato dei Ministri, dal Parlamento danese e dalla Commissione Uguaglianza e non discriminazione dell’Assemblea parlamentare.

Aprirà la Conferenza il Presidente della Delegazione danese presso l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, Michael Aastrup Jensen. Interverranno il Ministro danese per le Pari opportunità, Karen Ellemann e la Vice Segretario generale del Consiglio d’Europa, Gabriella Battaini-Dragoni. Katherine Zappone, Ministro irlandese per l’Infanzia e la Gioventù, pronuncerà il discorso introduttivo. Inoltre, vi sarà una testimonianza personale di una famiglia arcobaleno e un’analisi di un esperto sulla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo.

Durante la sessione di mezza giornata della conferenza, i dibattiti si concentreranno sulle pari opportunità e i diritti delle persone LGBTI in materia di vita privata e familiare in tutti gli Stati membri del Consiglio d’Europa, affrontando ad esempio le seguenti questioni: Quali forme di unioni di persone dello stesso sesso sono riconosciute? Quali diritti conferiscono? Come sono riconosciute nel diritto nazionale le unioni (matrimoni/unioni civili) concluse all’estero? Quali procedure devono essere seguite per garantire che siano riconosciuti pari diritti a entrambi i genitori in una coppia formata da persone dello stesso sesso? Quali problemi si pongono ai figli quando non sono riconosciuti pari diritti ai genitori? La situazione attuale è soddisfacente?

In occasione della conferenza, è stata presentata una pubblicazione del Professor Kees Waaldijk intitolata “Estendere i diritti, le responsabilità e lo status delle famiglie formate da persone dello stesso sesso: tendenze in Europa”.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter