Indietro

Belgio: i fornitori di servizi non dovrebbero avere l’obbligo di segnalare i migranti irregolari, afferma la Commissione antirazzismo

Commissione europea contro il razzismo e l'intolleranza (ECRI) Strasburgo 18 marzo 2020
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Belgio: i fornitori di servizi non dovrebbero avere l’obbligo di segnalare i migranti irregolari, afferma la Commissione antirazzismo

Il Belgio dovrebbe garantire che nessun fornitore di servizi, nel settore pubblico o in quello privato, abbia l’obbligo di segnalare alle autorità incaricate del controllo dell’immigrazione i presunti casi di persone che soggiornano in modo irregolare nel paese, al fine di proteggere i diritti fondamentali di tali persone.

Le autorità belghe dovrebbero inoltre assicurare che la Commissione di valutazione delle norme federali in materia di lotta contro la discriminazione disponga di sufficienti risorse per riprendere ed estendere il proprio lavoro, in consultazione con le organizzazioni della società civile.

Queste due raccomandazioni richiedono un’attuazione in via prioritaria, come evidenziato nel recente rapporto sul Belgio della Commissione contro il razzismo e l’intolleranza (ECRI) del Consiglio d’Europa, pubblicato oggi (vedere le versioni inglese, olandese e francese del rapporto).


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter