Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse
Indietro

L’Azerbaigian affronta un “problema” di prigionieri politici, dichiara l’APCE, chiedendo l’esame dei casi segnalati e una riforma

Sessione dell'Assemblea parlamentare Strasburgo 30 gennaio 2020
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
L’Azerbaigian affronta un “problema” di prigionieri politici, dichiara l’APCE, chiedendo l’esame dei casi segnalati e una riforma

“Non vi è dubbio che l’Azerbaigian affronti un problema di prigionieri politici e che tale problema sia dovuto a cause strutturali e sistemiche”, ha dichiarato l’APCE, chiedendo alle autorità di garantire che i casi presunti siano esaminati da un organismo imparziale, nonché di intraprendere “riforme fondamentali” per adempiere gli obblighi previsti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Approvando una risoluzione basata su un rapporto di Thorhildur Sunna Aevarsdottir (Islanda, SOC), l’Assemblea ha affermato che, sulla base delle costatazioni di fatto della Corte europea dei diritti dell’uomo, alcune persone risultano “prigionieri politici” secondo la definizione dell’Assemblea. La Corte ha inoltre constatato una “preoccupante tendenza” all’utilizzo improprio del sistema di giustizia penale motivato da considerazioni politiche.

L’Assemblea ha chiesto al governo di sottoporre i presunti casi di prigionieri politici all’esame di un “organismo indipendente e imparziale” e a rilasciare le persone che risultato prigionieri politici conformemente alla sua definizione del 2012.


L'agenda L'agenda
Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter