Indietro

Armenia: l’organo anticorruzione del Consiglio d’Europa pubblica un nuovo rapporto di conformità

Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO) Strasburgo 22 Dicembre 2017
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Armenia: l’organo anticorruzione del Consiglio d’Europa pubblica un nuovo rapporto di conformità

L’organo anticorruzione del Consiglio d’Europa, Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO) ha pubblicato oggi un nuovo rapporto sull’attuazione da parte dell’Armenia delle precedenti raccomandazioni sulla prevenzione della corruzione tra i parlamentari, i giudici e i pubblici ministeri.

Il GRECO giunge alla conclusione che l’Armenia ha attuato in modo soddisfacente cinque delle diciotto raccomandazioni. Tra le altre raccomandazioni, dodici sono state attuate parzialmente e una non è stata attuata.

In relazione ai parlamentari, il GRECO nota che sono stati compiuti progressi per quanto riguarda la trasparenza del processo legislativo in Parlamento e l’applicazione di norme relative alle incompatibilità. Sono necessari ulteriori sforzi per stabilire un codice di condotta dei parlamentari e per rafforzare il meccanismo di controllo del rispetto delle norme e degli standard etici da parte dei parlamentari.

In relazione ai giudici, il GRECO accoglie con favore le modifiche apportate alla Costituzione, in particolare la riforma dell’autogoverno giudiziario insieme alla creazione del Consiglio superiore della giustizia. Inoltre, le immunità applicabili ai giudici sono ora limitate all’“immunità funzionale”. Sono stati compiuti progressi anche in relazione alle procedure di assunzione, promozione, destituzione e trasferimento di giudici, in quanto è stato conferito un ruolo di primo piano al Consiglio superiore della giustizia. Detto ciò, resta ancora molto da fare per fornire consulenza e formazione specializzata ai giudici e per creare garanzie contro l’utilizzo di procedure disciplinari come mezzo di influenza o di rappresaglia nei confronti dei giudici. Devono ancora essere adottate regole efficaci contro le interferenze indebite. In relazione ai pubblici ministeri, il GRECO accoglie con favore l’adozione della legge sull’Ufficio del Procuratore; sono state prese importanti misure per migliorare le procedure di assunzione dei procuratori e per rafforzare il comitato etico dei pubblici ministeri. Altre misure sono necessarie per istituire formazioni specializzate obbligatorie e un servizio di consulenza confidenziale.

Il GRECO nota che occorrono altri progressi per raggiungere il livello accettabile di conformità alle raccomandazioni nei prossimi 18 mesi. Il GRECO invita il capo della delegazione armena a fornire ulteriori informazioni sull’attuazione delle restanti raccomandazioni al massimo entro il 30 giugno 2019.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter