Indietro

L’Italia esortata a migliorare la protezione dei migranti e dei minori non accompagnati per impedire che diventino vittime di tratta e sfruttamento

Gruppo di esperti sulla lotta contro la tratta di esseri umani (GRETA) Strasburgo 25 gennaio 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
L’Italia esortata a migliorare la protezione dei migranti e dei minori non accompagnati per impedire che diventino vittime di tratta e sfruttamento

L’Italia ha adottato misure supplementari per combattere la tratta degli esseri umani, secondo quanto indicato in un nuovo rapporto pubblicato oggi dal Gruppo di esperti del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani (GRETA), ma alcune questioni continuano a destare preoccupazione.

Il rapporto esamina le evoluzioni intervenute dopo la pubblicazione del primo rapporto del GRETA sull’Italia, nel 2014, relativo all’attuazione della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani.

Le misure positive adottate dalle autorità italiane comprendono delle modifiche al Codice penale e l’adozione di una legge mirante a rafforzare le tutele garantite ai minori non accompagnati, e in particolare ai minori vittime di tratta. Il GRETA esprime tuttavia il timore che la legislazione recentemente adottata, che esclude i richiedenti asilo dall’accesso alle strutture di accoglienza, possa lasciare senza assistenza possibili vittime di tratta.


L'agenda L'agenda
12-14 febbraio Strasburgo

Premio europeo di eloquenza

Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter