Indietro

Libertà di espressione: un rapporto valuta la situazione nel 2018

Società dell'informazione Strasburgo 2 maggio 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Libertà di espressione: un rapporto valuta la situazione nel 2018

Un rapporto pubblicato oggi, alla vigilia della Giornata mondiale della libertà di stampa, dal Servizio della società dell’informazione del Consiglio d'Europa, individua le principali minacce alla libertà d’espressione in Europa nel 2018 e le azioni che i governi dovrebbero avviare per contrastarle in via prioritaria.

Il rapporto desta una serie di preoccupazioni riguardanti l’aumento della violenza e delle intimidazioni nei confronti dei giornalisti e ricorda l’omicidio di almeno due giornalisti che indagavano attivamente su casi di corruzione e criminalità organizzata.

I crescenti attacchi verbali e la legislazione restrittiva che le ONG devono affrontare in alcuni paesi sono anch’essi motivo di preoccupazione, così come la diffusione della disinformazione attraverso i media e i canali online e l’impatto negativo della rivoluzione digitale sulla sostenibilità finanziaria del giornalismo investigativo e di qualità.

Il rapporto elenca cinque linee d‘azione che richiedono una particolare attenzione da parte del Consiglio d’Europa e dei suoi 47 Stati membri. Tali priorità includono la protezione efficace dei giornalisti dalla violenza e dalle intimidazioni, misure antiterrorismo che non siano utilizzate in modo abusivo per limitare indebitamente la libertà di stampa e la tutela dei media di servizio pubblico e di un giornalismo investigativo e di qualità.

In aggiunta, gli Stati dovrebbero intensificare i propri sforzi per elaborare un quadro giuridico chiaro che affronti le responsabilità degli intermediari di Internet in materia di libertà di espressione e fare in modo che la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo sia integrata sistematicamente ai sistemi giudiziari e normativi nazionali.

Il rapporto sottolinea che il controllo da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo rimane uno strumento fondamentale per garantire che le leggi e le pratiche nazionali siano coerenti con le norme stabilite dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Nel 2018, la Corte ha emesso più di 70 sentenze riguardanti casi di libertà di espressione, che rilevano violazioni in circa due terzi di esse.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter