Indietro

Il Consiglio d’Europa adotta il primo strumento giuridico internazionale per porre fine al sessismo

Comitato dei Ministri Strasburgo 28 marzo 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Il Consiglio d’Europa adotta il primo strumento giuridico internazionale per porre fine al sessismo

Gli Stati dovrebbero intensificare la loro lotta contro il sessismo in tutti gli ambiti, secondo una Raccomandazione appena adottata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa.

In risposta a #MeToo e ad altri recenti movimenti che hanno aumentato la consapevolezza del persistente sessismo nella società, il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa ha adottato una raccomandazione per porre fine al sessismo, la quale include la prima definizione di sessismo riconosciuta a livello internazionale.

La raccomandazione sottolinea il fatto che il sessismo è una manifestazione dei “rapporti di forza storicamente ineguali” tra donne e uomini, che porta alla discriminazione e impedisce la piena emancipazione delle donne nella società.

Poiché il sessismo è “diffuso e sistematico in tutti i settori e in tutte le società e (…) il sessismo e i comportamenti sessisti sono radicati negli stereotipi di genere e li rafforzano”, questo fenomeno viene definito per la prima volta in assoluto in uno specifico strumento giuridico volto a combatterlo, attraverso un elenco completo di misure e aree in cui il sessismo si manifesta, dalla pubblicità ai media, fino all’impiego, la giustizia, l’istruzione e lo sport. Il testo pone l’accento sul significato di comportamento sessista e propone a diversi attori modi concreti per individuarlo e affrontarlo.

Tale raccomandazione invita gli Stati membri a valutare lo stato dell’attuazione delle sue linee guida e a comunicare alla Commissione per l’uguaglianza di genere del Consiglio d’Europa le misure prese e i progressi compiuti.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter