Indietro

Corruzione in Croazia: manca ancora un Codice di condotta per i parlamentari, ma sono stati compiuti progressi per limitare il conflitto di interessi

Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO) Strasburgo 29 gennaio 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Corruzione in Croazia: manca ancora un Codice di condotta per i parlamentari, ma sono stati compiuti progressi per limitare il conflitto di interessi

Nella sua valutazione delle misure intraprese dalla Croazia per attuare le raccomandazioni emesse nel 2014, il Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO) del Consiglio d’Europa si rammarica del fatto che le sue raccomandazioni rivolte al Parlamento croato e relative all’adozione di un Codice di condotta per i parlamentari non siano ancora state attuate.

Secondo la “Strategia anticorruzione 2015-2020” del paese, l’adozione di tale codice sarebbe dovuta avvenire nell’ultimo trimestre del 2015, ma il progetto è ancora fermo in Parlamento, come indicato in un nuovo rapporto di conformità pubblicato oggi (vedere la versione croata del rapporto).

Inoltre, negli ultimi anni la Commissione governativa per la prevenzione dei conflitti di interesse ha svolto un ruolo proattivo per sostenere e consigliare i parlamentari sul modo di rispettare i loro obblighi previsti dalla Legge sulla prevenzione dei conflitti di interesse. In merito a questo testo legislativo essenziale, il GRECO è stato informato dei relativi emendamenti e ha chiesto al governo della Croazia di assicurare che ogni riforma prevista in tale ambito non costituisca un passo indietro in materia di prevenzione della corruzione.


L'agenda L'agenda
12-14 febbraio Strasburgo

Premio europeo di eloquenza

Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter