Indietro

Cerimonia commemorativa in occasione del 70° anniversario

Consiglio d'Europa Strasburgo 2 ottobre 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Cerimonia commemorativa in occasione del 70° anniversario

Il Consiglio d'Europa ha celebrato il suo 70° anniversario con una cerimonia commemorativa, tenutasi martedì 1° ottobre al teatro dell'Opéra di Strasburgo. La cerimonia è stata aperta dal sindaco di Strasburgo, Roland Ries, a cui hanno fatto seguito gli interventi dell'ex Primo ministro spagnolo, Felipe González, della Presidente dell'APCE, Liliane Maury Pasquier, e del Presidente della Corte europea dei diritti dell'uomo, Linos-Alexandre Sicilianos. Inoltre, sono stati inviati due videomessaggi da Luca Parmitano, astronauta della Stazione spaziale internazionale, e dal Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres. Infine, l'Orchestra filarmonica di Strasburgo e Duncan Laurence, vincitore dell'Eurovision Song Contest 2019, hanno proposto due intermezzi musicali.

Il momento più atteso della cerimonia è stato il discorso pronunciato dal Presidente francese Emmanuel Macron, che ha invitato i partecipanti ad affrontare le sfide future con ottimismo e coraggio, ispirandosi all’antica tradizione della cultura, della democrazia e dell’innovazione europee:

“Questi 70 anni sono un miracolo. Mai in Europa, abbiamo raggiunto un tale risultato. Ma questi 70 anni comportano delle responsabilità. Credo in questa Europa di popoli, coscienze, immaginazione e bellezza. In questa Europa di artisti, cittadini liberi e felici, attivisti e portatori di speranza. Questa speranza è la nostra. Troviamo il coraggio di sognare, perché è di noi che si parla!”.

Il nuovo Segretario generale del Consiglio d'Europa, Marija Pejčinović Burić, ha chiuso la cerimonia con un discorso dal tono altrettanto positivo riguardante il futuro ruolo dell'organizzazione:

“Alcuni vorrebbero incrinare i nostri valori, le nostre conquiste e la nostra unità. Ed è giusto richiamare l'attenzione su tali tentativi e unire le forze per opporvisi. Ma guardare al futuro non mi spaventa. Il Consiglio d'Europa è stato concepito per contrastare l'estremismo politico e per assumere una posizione risoluta qualora i diritti degli individui siano minacciati. La nostra Corte, il nostro Comitato dei Ministri, la nostra Assemblea parlamentare, tutti i nostri organi e ogni nostra competenza sono orientati alla realizzazione di questo obiettivo”.

L'ex Primo ministro spagnolo, Felipe González, ha ribadito il ruolo fondamentale che il Consiglio d'Europa continua a svolgere nella protezione dei diritti umani in tutto il continente e ha espresso preoccupazione per la crescente mancanza di rispetto delle norme mondiali da parte degli Stati, minando così l'esistenza "di un sistema di norme a livello internazionale, regionale e nazionale”. Ha ricordato due sfide da affrontare con urgenza: garantire il rispetto dello Stato di diritto e nobilitare le nuove forme di lavoro derivanti dalla rivoluzione tecnologica in corso, in modo che il reddito sia ridistribuito nella società in un modo più ragionevole.


L'agenda L'agenda
Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter