Indietro

Dichiarazione di Timo Soini, Presidente del Comitato dei Ministri, sull'uso delle lingue dei segni in Europa

Presidenza del Comitato dei Ministri Strasburgo 14 maggio 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Timo Soini

Timo Soini

"Accolgo con favore il sostegno espresso oggi dal Comitato dei Ministri per la promozione e la tutela delle lingue dei segni in Europa", ha affermato, il 14 maggio, Timo Soini, Presidente del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa e Ministro finlandese degli Affari esteri. In una risposta alla Raccomandazione 2143 (2019) dell'Assemblea parlamentare su ‘Proteggere e promuovere le lingue dei segni in Europa’, il Comitato dei Ministri ha sottolineato l'importanza delle lingue dei segni in quanto lingue naturali dei non udenti e ha riconosciuto la necessità di comprendere meglio come tali lingue sono protette e promosse in tutti gli Stati membri del Consiglio d'Europa".

"Le lingue dei segni hanno lo status di lingua ufficiale in Finlandia. Sotto la nostra Presidenza la sig. Eeva Tupi, esperto finalandese, ha elaborato uno studio sui diritti relativi alle lingue dei segni nell’ambito del Consiglio d'Europa e i suoi Stati membri, che è stato presentato durante la Sessione di aprile dell'Assemblea parlamentare. In questa occasione, Signmark, un artista rap finlandese, si è esibito nel linguaggio dei segni. Questi eventi hanno contribuito ad aumentare la sensibilizzazione sulle tematiche riguardanti le lingue dei segni e i diritti dei non udenti. Mi auguro che il Consiglio d'Europa continui a prestare particolare attenzione alla promozione e alla protezione delle lingue dei segni".


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter