Indietro

L’APCE chiede la riapertura dell’inchiesta sull’omicidio di Boris Nemtsov

Sessione dell'Assemblea parlamentare Strasburgo 27 giugno 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
L’APCE chiede la riapertura dell’inchiesta sull’omicidio di Boris Nemtsov

L’APCE ha invitato le autorità russe a “riaprire e proseguire” la loro inchiesta sull’assassinio del leader dell’opposizione Boris Nemtsov, elencando una serie di “gravi preoccupazioni” circa la sua indipendenza ed efficacia.

L’Assemblea, nell’approvare all’unanimità un rapporto di Emanuelis Zingeris (Lituania, PPE/DC), ha concluso che “non sono stati esaminati tutti gli aspetti rilevanti del caso e non è stata rivelata l’intera verità”. Ha menzionato, in particolare:

  • l’impossibilità di identificare e localizzare eventuali prove video, anche da parte del Servizio di protezione federale della Russia, che è responsabile della sicurezza del Cremlino;
  • la mancanza di interrogatori a potenziali testimoni, compresi quelli che si trovavano sul ponte al momento della sparatoria e i conducenti dei veicoli noti;
  • “diverse irregolarità, incoerenze e incongruenze” nelle prove forensi relative ai proiettili e ai bossoli raccolti, e in merito alle ferite di Nemstov;
  • “incoerenze e contraddizioni significative” nelle deposizioni di diversi testimoni chiave;
  • una serie di irregolarità riguardanti lo svolgimento del processo e la ricusazione dei giurati per ragioni illegittime o insufficienti.

 


L'agenda L'agenda
Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter