Indietro

Elezioni a Mosca: Il Segretario generale esorta tutte le parti a cooperare in un clima di timore della violenza

Segretario generale Strasburgo 31 luglio 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Elezioni a Mosca: Il Segretario generale esorta tutte le parti a cooperare in un clima di timore della violenza

Il Segretario generale del Consiglio d’Europa, Thorbjørn Jagland, ha tenuto in data odierna una conversazione telefonica con Ella Pamfilova, Presidente della Commissione elettorale centrale della Federazione russa. Il Segretario generale Jagland ha precedentemente espresso la propria preoccupazione per l’organizzazione in merito alle elezioni del Consiglio comunale di Mosca e agli episodi di violenza verificatisi a Mosca il 27 luglio. Ella Pamfilova ha spiegato l’attuale situazione relativa alla registrazione dei candidati alle elezioni, in particolare quelli la cui registrazione è stata rifiutata dalla Commissione elettorale di Mosca. Inoltre, ha confermato che per tali candidati era disponibile una procedura di ricorso e che la Commissione esaminerà ciascun ricorso con attenzione e per tempo.

Il Segretario generale invita pertanto i candidati a esaurire tutte le vie di ricorso a loro disposizione per partecipare alle elezioni. Delle elezioni libere ed eque sono un elemento indispensabile per una società democratica.

In vista della nuova giornata di protesta del 3 agosto, il Segretario generale mantiene la propria preoccupazione in merito alla possibilità che tali violenze si ripresentino. Esorta tutte le parti, nello spirito del rispetto dei valori democratici, a cooperare al fine di concordare le modlità della manifestazione e di evitare lo scontro.

Il Consiglio d’Europa si dichiara pronto a fornire il proprio supporto alle autorità russe per il miglioramento della propria legislazione elettorale.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter