Indietro

Malta deve attribuire la responsabilità dell'omicidio di Daphne Caruana Galizia

Commissario per i diritti umani Ginevra, Strasburgo e Vienna 16 ottobre 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Malta deve attribuire la responsabilità dell'omicidio di Daphne Caruana Galizia

"Il governo maltese è ben lontano dal rispettare l'obbligo di garantire che le indagini sull'omicidio di Daphne Caruana Galizia siano condotte in modo rapido, efficace, indipendente e imparziale", hanno asserito oggi in una dichiarazione congiunta Dunja Mijatović, Commissaria per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Harlem Désir, rappresentante dell'OSCE per la libertà dei media, David Kaye, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla libertà di opinione e di espressione, e Agnes Callamard, relatrice speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie.

“Sono trascorsi due anni e finora non c’è stata alcuna condanna e nessun processo contro i mandanti e le menti del delitto. Al contrario, le cause postume per diffamazione continuano a colpire la famiglia di Daphne Caruana Galizia e i memoriali eretti per chiedere giustizia sul suo caso vengono spesso rimossi. Questo non fa che accrescere il dolore e la sofferenza della sua famiglia e dei suoi cari.

Ad oggi, tre uomini sono stati accusati dell'omicidio. Dopo quasi 20 mesi, è stato finalmente avviato un processo contro di essi. Tuttavia, per porre fine all'impunità è necessario attribuire la responsabilità non solo a coloro che hanno commesso l'omicidio, ma anche a tutti i complici, comprese le menti che hanno concepito il crimine. Al momento, tali individui non sono dichiarati responsabili”.


L'agenda L'agenda
3-5 dicembre 2019 Strasburgo

Implementazione delle sentenze della CEDU

Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter