Indietro

I giovani europei chiedono un accesso equo ai diritti sociali

Consiglio d'Europa Strasburgo 12 luglio 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
I giovani europei chiedono un accesso equo ai diritti sociali

Oltre 300 giovani e giovani lavoratori provenienti da tutti gli Stati membri del Consiglio d’Europa e altrove si sono riuniti questa settimana a Strasburgo per ENTER! Settimana della gioventù. In un messaggio congiunto hanno chiesto agli Stati membri di garantire la protezione dei loro diritti.

“Tutti i giovani devono avere un accesso equo ai loro diritti riconosciuti nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo e nella Carta sociale europea, indipendentemente dalla loro provenienza o luogo in cui vivono. Siamo preoccupati che questa non sia una realtà vissuta da tutti noi: molti giovani affrontano ostacoli nell’accedere ai diritti sociali, soprattutto le persone provenienti da quartieri svantaggiati”, si afferma nella Dichiarazione.

“La partecipazione significativa dei giovani nel processo decisionale democratico rimane un’eccezione per la maggior parte di noi. Siamo preoccupati del fatto che spesso non siamo presi in seria considerazione dalle autorità dei nostri paesi a livello locale, regionale e nazionale. La nostra voce e le nostre idee vengono ignorate e le decisioni su di noi vengono prese senza di noi. Vi sono troppe restrizioni ai nostri diritti di organizzare, manifestare e sostenere i nostri diritti”.

“Spesso per noi è difficile accedere a posti di lavoro dignitosi. Molti giovani svolgono tirocini non retribuiti o un lavoro sottopagato e precario”.

Altre sfide che affrontano i giovani sono l’incertezza economica, sistemi di istruzione e metodi di insegnamento superati, costi nascosti dell’istruzione che non consentono ai giovani di concentrarsi totalmente sui loro studi, orientamento professionale scarso e influenzato da pregiudizi, inaccessibilità a un’assistenza sanitaria di qualità in molti quartieri, in particolare la mancanza di servizi di salute mentale, riproduttiva e sessuale.

“I giovani risentono della mancanza di un alloggio dignitoso e a costi accessibili nella loro transizione verso l’età adulta. Gli affitti privati sono spesso costosi e mancano alloggi accessibili ed economici. Di conseguenza, la mancanza di una fissa dimora è una realtà per molti di noi”.

Non ci sono abbastanza spazi pubblici per le arti, lo sport, le attività ricreative e il lavoro giovanile e l’istruzione non ufficiale, soprattutto nelle comunità rurali. Inoltre, molti giovani non hanno a disposizione servizi di trasporto accessibili, convenienti e regolari. Sottolineano gli effetti distruttivi del cambiamento climatico sul sostentamento di molte persone e affermano che le proteste e le interconnessioni tra i diritti umani e i problemi ambientali non vengono presi in debita considerazione dalla autorità.

Nella loro Dichiarazione i giovani hanno chiesto a tutte le autorità nazionali, regionali e locali del loro Stati di attuare appieno la Raccomandazione ENTER! sull’accesso dei giovani ai diritti, di rivedere la sua attuazione a livello locale, di informare i giovani sui loro diritti, di fornire servizi pubblici e infrastrutture accessibili a tutti e di garantire la partecipazione dei giovani nel processo decisionale democratico.

ENTER! Settimana della gioventù si è svolto nel quadro della Presidenza francese del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, con il sostegno della Città di Strasburgo, del Ministro dell’Istruzione nazionale e della Gioventù francese e del Forum europeo della gioventù.

Consultare anche:
Enter! Settimana della gioventù: i nostri diritti, la nostra vita


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter