Indietro

Giornata europea contro la tratta (18 ottobre)

Le vittime devono ottenere giustizia, incluso il risarcimento, dichiara il Segretario generale del Consiglio d'Europa
Consiglio d'Europa Strasburgo 17 ottobre 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Giornata europea contro la tratta (18 ottobre)

Il Segretario generale del Consiglio d'Europa, Marija Pejčinović Burić, ha esortato i paesi di tutto il continente a garantire che le vittime della tratta di esseri umani ricevano giustizia, incluso un risarcimento finanziario, per gli abusi subiti.

In vista della Giornata europea contro la tratta di esseri umani (18 ottobre), il Segretario generale ha dichiarato: “Le persone che commerciano esseri umani sottopongono le loro vittime alle più orrende forme di sfruttamento e abuso”.

"I trafficanti devono essere rigorosamente perseguiti e puniti, ma è necessario anche rendere giustizia alle vittime della tratta, assicurandosi che ricevano un risarcimento, che siano protette affinché non tornino a essere vittime e che ricevano un aiuto sufficiente per rimettere insieme le loro vite".

La Convenzione del Consiglio d'Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani, aperta alla firma nel 2005, è il primo trattato internazionale che impone agli Stati di garantire che le vittime ricevano un risarcimento per i danni subiti.


L'agenda L'agenda
Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe_ita su Twitter @coe_ita su Twitter