Panoramica realizzata dal segretariato del CAHAI
 

Questo articolo è disponibile anche in:

Il presente documento intende fornire una panoramica non esaustiva degli articoli provenienti dai media e da altre fonti pubblicamente disponibili. Non riflette il punto di vista del CAHAI e del Consiglio d'Europa

L'intelligenza artificiale (IA) è stata utilizzata per sostenere la lotta contro la pandemia virale che ha colpito il mondo intero dall'inizio del 2020. La stampa e la comunità scientifica fanno eco alle grandi speranze fondate sulla scienza dei dati e sull'IA per affrontare il coronavirus (D. Yakobovitch, How to fight the Coronavirus with AI and Data Science, Medium, 15 febbraio 2020) e "colmare le lacune" ancora lasciate dalla scienza (G. Ratnam, Can AI Fill in the Blanks About Coronavirus? Think So Experts, Government Technology, 17 marzo 2020).

La Cina, primo epicentro di questa malattia e rinomata per il suo progresso tecnologico in questo campo, ha cercato di trarne un vantaggio decisivo. Gli impieghi dell’IA sembrano aver incluso il sostegno a misure che limitano la circolazione della popolazione, la previsione dell'evoluzione delle epidemie e la ricerca per lo sviluppo di un vaccino o di un trattamento. Per quanto riguarda quest'ultimo aspetto, l'IA è stata utilizzata per accelerare il sequenziamento del genoma, effettuare diagnosi più rapide, effettuare analisi con scanner o, più occasionalmente, utilizzare robot di manutenzione e consegna (A. Chun, In a time of coronavirus, In a time of coronavirus, China's investment in AI is paying off in a big way, South China Morning post, 18 marzo 2020).

I contributi dell’IA, innegabili anche in termini di organizzazione di un migliore accesso alle pubblicazioni scientifiche o di sostegno alla ricerca, non le hanno tuttavia consentito di eliminare le fasi di sperimentazione clinica o di sostituire completamente le competenze umane. Le difficoltà strutturali incontrate dalle infrastrutture sanitarie in questa situazione di crisi non dipendono tanto da soluzioni tecnologiche, quanto dall'organizzazione dei servizi sanitari, che dovrebbero essere in grado di prevenire tali situazioni (articolo 11 della Carta sociale europea). Le misure di emergenza che utilizzano soluzioni tecnologiche, compresa l'IA, dovrebbero essere valutate alla fine della crisi e, per quanto riguarda quelle che violano le libertà individuali, non dovrebbero essere banalizzate con il pretesto di una migliore protezione della popolazione. Les disposizioni della Convenzione 108 (+) in particolare, devono poter continuare a trovare applicazione.

 
Il contributo dell'intelligenza artificiale alla ricerca di una cura

La prima applicazione dell'IA prevista a fronte di una crisi sanitaria è sicuramente l'assistenza ai ricercatori per progettare un vaccino, in grado di proteggere gli operatori sanitari e contenere la pandemia. La biomedicina e la ricerca si basano su una vasta gamma di tecniche, tra cui le varie applicazioni dell'informatica e della statistica danno già da tempo il loro contributo. L'uso dell'IA si iscrive quindi in una dimensione di continuità.

Le previsioni sulla struttura del virus generato dall'IA hanno già risparmiato agli scienziati mesi di sperimentazione. L'AI sembra aver fornito un supporto significativo in questo senso, anche se limitato a causa delle cosiddette regole "continue" e della combinatoria infinita per lo studio dello sviluppo delle proteine. La startup americana Moderna si è distinta per la padronanza di una biotecnologia basata sull'acido ribonucleico messaggero (mRNA) per la quale lo studio del ripiegamento delle proteine è essenziale. È riuscita a ridurre significativamente il tempo necessario per sviluppare un prototipo di vaccino testabile sull'uomo grazie al supporto della bioinformatica, di cui l'IA è parte integrante.

 Allo stesso modo, il gigante cinese della tecnologia Baidu, in collaborazione con la Oregon State University e l'Università di Rochester, ha pubblicato il suo algoritmo di previsione Linearfold nel febbraio 2020 per studiare questa stessa piegatura della proteina. Questo algoritmo è molto più veloce degli algoritmi tradizionali per prevedere la struttura dell'acido ribonucleico secondario (RNA) di un virus e fornisce agli scienziati informazioni aggiuntive su come i virus si diffondono. La previsione della struttura secondaria della sequenza RNA di Covid-19 sarebbe stata così calcolata per Linearfold in 27 secondi invece che in 55 minuti (Baidu, How Baidu is bringing AI to the fight against coronavirus, MIT Technology Review, 11 marzo 2020). DeepMind, una filiale della casa madre di Google, Alphabet, ha anche condiviso le sue previsioni delle strutture proteiche dei coronavirus con il suo sistema AlphaFold AI (J. Jumper, K. Tunyasuvunakool, P. Kohli, D. Hassabis et al, Computational predictions of protein structures associated with COVID-19, DeepMind, 5 marzo 2020). IBM, Amazon, Google e Microsoft hanno inoltre fornito la potenza di calcolo dei loro server alle autorità statunitensi per elaborare set di dati molto ampi in epidemiologia, bioinformatica e modellazione molecolare (F. Lardinois, IBM, Amazon, Google e Microsoft sono partner della Casa Bianca per fornire risorse di calcolo per la ricerca COVID-19, Techcrunch, 22 marzo 2020).

 
L'intelligenza artificiale, una forza trainante per la condivisione della conoscenza

Negli Stati Uniti, l'Ufficio della Casa Bianca per le Politiche Scientifiche e Tecnologiche della Casa Bianca ha incontrato l'11 marzo 2020 le aziende tecnologiche e i principali gruppi di ricerca per determinare come gli strumenti di IA potrebbero essere utilizzati, tra le altre cose, per analizzare le migliaia di documenti di ricerca pubblicati in tutto il mondo sulla pandemia (A. Boyle, la Casa Bianca cerca l'aiuto dei titani della tecnologia per combattere i coronavirus e la disinformazione, GeekWire, 11 marzo 2020).

Infatti, nelle settimane successive alla comparsa del nuovo coronavirus a Wuhan, in Cina, nel dicembre 2019, sono stati pubblicati quasi 2.000 articoli di ricerca sugli effetti di questo nuovo virus, sui possibili trattamenti e sulle dinamiche della pandemia. Questo afflusso di letteratura scientifica riflette naturalmente il desiderio dei ricercatori di affrontare questa grave crisi sanitaria, ma rappresenta anche una vera e propria sfida per chiunque speri di analizzare questa importante mole di materiale scientifico

Microsoft Research, la National Library of Medicine e l'Allen Institute for AI (AI2) hanno quindi presentato il 16 marzo 2020 il loro lavoro, che consisteva nel raccogliere e preparare più di 29.000 documenti relativi al nuovo virus e alla più ampia famiglia dei coronavirus, 13.000 dei quali sono stati elaborati in modo che i computer potessero leggere i dati sottostanti, nonché informazioni sugli autori e sulle loro affiliazioni. Kaggle, una consociata di Google e piattaforma che di solito organizza concorsi di scienza dei dati, ha creato delle sfide con riferimento a 10 domande chiave relative al coronavirus. Queste domande vanno dai fattori di rischio e dai trattamenti non farmacologici alle proprietà genetiche del virus e agli sforzi di sviluppo del vaccino. Il progetto coinvolge anche l'Iniziativa Chan Zuckerberg (dal nome del fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e di sua moglie Priscilla Chan) e il Centro per la sicurezza e le tecnologie emergenti della Georgetown University (W. Knight, Researchers Will Deploy AI to Better Understand Coronavirus, Wired, 17 marzo 2020).

 
Intelligenza artificiale, osservatore e predittore dell'evoluzione della pandemia

L'azienda canadese BlueDot ha il merito di aver individuato precocemente il virus utilizzando un'IA e la sua capacità di rivedere continuamente oltre 100 set di dati, come notizie, vendite di biglietti aerei, dati demografici, dati climatici e popolazioni animali. BlueDot ha rilevato quello che allora era considerato un focolaio di polmonite a Wuhan, in Cina, il 31 dicembre 2019, e ha identificato le città che più probabilmente avrebbero sperimentato questo focolaio (C. Stieg, How this Canadian start-up spotted coronavirus before everyone else knew about it, CNBC, 3 marzo 2020).

Un team di ricercatori che lavora con il Boston Children's Hospital ha anche sviluppato un'IA per tracciare la diffusione del coronavirus. Chiamato HealthMap, il sistema integra i dati delle ricerche di Google, dei social media e dei blog, oltre ai forum di discussione: fonti di informazione che gli epidemiologi di solito non usano, ma che sono utili per identificare i primi segni di un'epidemia e valutare la risposta pubblica (A. Johnson, How Artificial Intelligence is Aiding the fight Against Coronavirus, Datainnovation, 13 marzo 2020).

Il Centro internazionale di ricerca per l'intelligenza artificiale (IRCAI) in Slovenia, sotto l'egida dell'UNESCO, ha lanciato un’allerta mediatica "intelligente" sul coronavirus chiamata Corona Virus Media Watch che fornisce aggiornamenti sulle notizie globali e nazionali sulla base di una selezione di media con informazioni online. Lo strumento, sviluppato anche con il supporto dell'OCSE e della tecnologia di estrazione delle informazioni del Registro degli eventi, si presenta come un'utile fonte di informazioni per i responsabili politici, i media e il pubblico per osservare le tendenze emergenti relative a Covid-19 nei loro paesi e in tutto il mondo.

 

Intelligenza artificiale per assistere il personale sanitario

Due aziende cinesi hanno sviluppato un software di diagnostica coronavirus basato sull'IA. La start-up Infervision, con sede a Pechino, ha addestrato il suo software per rilevare i problemi polmonari utilizzando la tomografia computerizzata (TAC). Originariamente utilizzato per diagnosticare il cancro ai polmoni, il software è in grado di rilevare anche la polmonite associata a malattie respiratorie come il coronavirus. Sembra che almeno 34 ospedali cinesi abbiano utilizzato la tecnologia per aiutarli a esaminare 32.000 casi sospetti (T. Simonite, Chinese Hospitals Deploy AI to Help Diagnose Covid-19, Wired, February 26, 2020).

L'Accademia Alibaba DAMO, il braccio di ricerca della società cinese Alibaba, ha anche addestrato un sistema di IA per riconoscere i coronavirus con una presunta precisione del 96%. Secondo la società, il sistema potrebbe elaborare le 300-400 scansioni necessarie per diagnosticare un coronavirus in 20-30 secondi, mentre la stessa operazione richiederebbe di solito 10-15 minuti a un medico esperto. Il sistema avrebbe aiutato almeno 26 ospedali cinesi a esaminare più di 30.000 casi.

In Corea del Sud, l'IA avrebbe contribuito a ridurre a poche settimane la progettazione di kit di test basati sul corredo genetico del virus, quando normalmente ci vorrebbero dai due ai tre mesi. L'azienda biotecnologica Seegene ha utilizzato il suo sistema di sviluppo di test automatizzati per sviluppare il kit di test e distribuirlo su larga scala. I test su larga scala sono infatti cruciali per superare le misure di contenimento e questa politica di test sembra aver contribuito al relativo controllo della pandemia in questo paese, che ha equipaggiato 118 strutture mediche con questo dispositivo e testato più di 230.000 persone (I.Watson, S.Jeong, J.Hollingsworth, T.Booth, How this South Korean company created coronavirus test kit in tre settimane, CNN World, 13 marzo 2020).

 

L'intelligenza artificiale come strumento di controllo della popolazione

L'esempio di Singapore per il controllo dei rischi epidemici, con il supporto della tecnologia, è certamente unico e difficile da esportare a causa dell'accettazione sociale di misure di sicurezza restrittive: emissione di un ordine di contenimento per le popolazioni a rischio, verifica del rispetto delle misure tramite cellulare e geolocalizzazione, controlli casuali a domicilio (K. Vaswani, Coronavirus: The detectives racing to contain the virus in Singapore, BBC News, 19 marzo 2020). L'IA è stata ampiamente utilizzata a sostegno delle politiche di sorveglianza di massa come in Cina, dove sono stati utilizzati dispositivi per misurare la temperatura e riconoscere gli individui o per dotare le forze dell'ordine di caschi "intelligenti" in grado di segnalare gli individui con un'alta temperatura corporea. I dispositivi di riconoscimento facciale hanno tuttavia incontrato difficoltà nell'indossare le maschere chirurgiche, portando un'azienda a tentare di aggirare questa difficoltà, poiché molti servizi in Cina si affidano ora a questa tecnologia, compresi i servizi statali per le misure di sorveglianza. Hanvon sostiene quindi di aver creato un dispositivo per aumentare al 95% il tasso di riconoscimento di chi indossa maschere chirurgiche (M. Pollard, Anche chi indossa una maschera può essere identificato, dice la società cinese di riconoscimento facciale, Reuters, 9 marzo 2020). In Israele è stato sviluppato un piano di controllo dell’uso telefonico individuale per avvertire gli utenti di non mescolarsi con persone potenzialmente portatrici del virus (A. Laurent, COVID-19: Gli Stati usano la geolocalizzazione per sapere chi rispetta il contenimento, Usbek & Rica, 20 marzo 2020. In Corea del Sud, un allarme trasferito alle autorità sanitarie viene attivato quando le persone non rispettano il periodo di isolamento, ad esempio recandosi in un luogo affollato come i trasporti pubblici o un centro commerciale (Ibidem). A Taiwan, un telefono cellulare viene dato alle persone infette e registra la loro posizione GPS in modo che la polizia possa rintracciare i loro movimenti e assicurarsi che non si allontanino dal luogo di confinamento (ibidem). In Italia, un'azienda ha anche sviluppato un'applicazione per smartphone che può essere utilizzata per tracciare l'itinerario di una persona infettata dal virus e avvertire le persone che hanno avuto contatti con lui. Secondo il progettista, la privacy sarebbe garantita, in quanto l'applicazione non rivelerebbe numeri di telefono o dati personali (E. Tebano, Coronavirus, pronta la app italiana per tracciare i contagi: "Così possiamo fermare l'epidemia", Corriere della Sera, 18 marzo 2020). In Lombardia, gli operatori telefonici hanno miso a disposizione i dati riguardanti il passaggio di un telefono portatile da una cella telefonica all’altra (M. Pennisi, Coronavirus, come funzionano il controllo delle celle e il tracciamento dei contagi. Il Garante: «Non bisogna improvvisare», Corriere della Sera, 20 March 2020).

Negli Stati Uniti, in questo momento di crisi sanitaria, si ritrova questa tensione tra la garanzia dei diritti individuali e la tutela degli interessi collettivi. Così, i GAFAM hanno a disposizione negli Stati Uniti informazioni estremamente preziose in tempi di crisi: un'immensa quantità di dati sulla popolazione americana. Larry Brilliant, epidemiologo e direttore esecutivo di Google.org, sostiene di poter "cambiare il volto della salute pubblica" e ritiene che "poche cose nella vita sono più importanti del sapere se le grandi tecnologie sono troppo potenti, ma una pandemia è senza dubbio una di queste" (N. Scola, Big Tech affronta una trappola del 'Grande Fratello' sul coronavirus, POLITICO, 18 marzo 2020). Il governo degli Stati Uniti ha quindi chiesto a queste aziende di avere accesso a dati aggregati e anonimi, soprattutto sui telefoni cellulari, per combattere la diffusione del virus (T. Romm, E. Dwoskin, C. Timberg, governo degli Stati Uniti, industria tecnologica, discutendo le modalità di utilizzo dei dati di localizzazione degli smartphone per combattere il coronavirus, The Washington Post, 18 marzo 2020). Tuttavia, queste aziende sono state prudenti in considerazione del rischio legale e del potenziale danno d'immagine (S. Overly, la Casa Bianca cerca aiuto nella Silicon Valley per combattere il coronavirus, POLITICO, 11 marzo 2020). Una regolamentazione dei dati avrebbe probabilmente contribuito a inquadrare il dialogo pubblico-privato e a determinare quali tipi di emergenze debbano essere oggetto di un interesse collettivo sui diritti individuali (nonché le condizioni e le garanzie di tale meccanismo), ma il Congresso non ha fatto progressi negli ultimi due anni su tale legge.

Infine, i tentativi di disinformazione si sono moltiplicati sui social network e su Internet. Che si tratti del virus stesso, del modo in cui si diffonde o dei mezzi per combatterne gli effetti, molte voci si sono diffuse ("Notizie false" e disinformazione sul coronavirus SARS-CoV2, INSERM, 19 febbraio 2020). L'IA è una tecnologia già utilizzata con una certa efficacia dalle piattaforme per combattere i contenuti inappropriati. Il 9 marzo 2020 l'UNICEF ha adottato una dichiarazione sulla disinformazione sul coronavirus in cui intende "adottare attivamente misure per fornire informazioni accurate sul virus collaborando con l'Organizzazione Mondiale della Sanità, le autorità governative e i partner online come Facebook, Instagram, LinkedIn e TikTok, per garantire che siano disponibili informazioni e consigli accurati, nonché adottando misure per informare il pubblico quando appaiono informazioni inesatte".

È inoltre prevista l'adozione di misure restrittive negli Stati membri del Consiglio d'Europa per evitare di alimentare le preoccupazioni dell'opinione pubblica. Tuttavia, il Comitato di esperti del Consiglio d'Europa sull'ambiente dei media e la riforma dei media (MSI-REF) ha ricordato in una dichiarazione del 21 marzo 2020 che "la situazione di crisi non dovrebbe essere usata come pretesto per limitare l'accesso del pubblico alle informazioni. Né gli Stati dovrebbero introdurre restrizioni alla libertà dei media oltre i limiti consentiti dall'articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo". Il Comitato ricorda che "gli Stati membri, insieme a tutti gli attori dei media, dovrebbero sforzarsi di garantire un ambiente favorevole a un giornalismo di qualità".

 
Intelligenza artificiale: una uso da valutare all'indomani di una crisi

Le tecnologie digitali, comprese l’informatica e l'IA, si stanno quindi dimostrando strumenti importanti per contribuire a costruire una risposta coordinata a questa pandemia. I molteplici utilizzi illustrano anche i limiti delle promesse di queste stesse tecnologie, da cui non possiamo aspettarci di compensare le difficoltà strutturali come quelle vissute da molte istituzioni sanitarie in tutto il mondo. La ricerca di efficienza e di riduzione dei costi negli ospedali, spesso supportata dalle tecnologie dell'informazione, non deve ridurre la qualità dei servizi né compromettere l'accesso universale alle cure, anche in circostanze eccezionali.

Va ricordato che l'articolo 11 della Carta sociale europea (ratificata da 34 dei 47 Stati membri del Consiglio d'Europa) stabilisce un diritto alla protezione della salute che impegna i firmatari "ad adottare, direttamente o in collaborazione con organizzazioni pubbliche e private, misure appropriate destinate in particolare a ...": 1°) eliminare, per quanto possibile, le cause di una cattiva salute; 2°) fornire servizi di consulenza ed educazione per il miglioramento della salute e lo sviluppo del senso di responsabilità individuale per la salute; 3°) prevenire, per quanto possibile, malattie epidemiche, endemiche e altre malattie, nonché gli incidenti. »

Infine, dovrebbe essere possibile valutare le misure di emergenza adottate al termine della crisi per individuare i benefici e le insidie che l'uso degli strumenti digitali e dell'intelligenza artificiale comporta. In particolare, le misure temporanee di controllo e di monitoraggio di massa della popolazione attraverso le tecnologie non dovrebbero essere banalizzate e diventare permanenti (Yuval Noah Harari,il mondo dopo il coronavirus, The Financial Times, 20 marzo 2020).

Le norme di protezione dei dati, come la Convenzione 108+ del Consiglio d'Europa, devono continuare ad essere pienamente applicabili in ogni circostanza: che si tratti dell'utilizzo di dati biometrici, della geolocalizzazione, del riconoscimento facciale o dello sfruttamento di dati sanitari, l'impiego di applicazioni di emergenza deve avvenire in consultazione con le autorità di protezione dei dati e nel rispetto della dignità e della vita privata degli utenti. I diversi pregiudizi dei vari tipi di operazioni di sorveglianza devono essere considerati, in quanto possono causare discriminazioni significative (A.F. Cahn, John Veiszlemlein, COVID-19 tracking data and surveillance risks are more dangerous than their rewards, NBC News, 19 March 2020).

www.coe.int/ai

Towards an application of AI based on human rights, the rule of law and democracy

www.coe.int/cahai

Ad hoc Committee on AI - CAHAI

 Leaflet