Presidenza francese del Comitato dei Ministri Municipio di Strasburgo 18 settembre 2019
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Prima riunione del Comitato dei Minstri del Consiglio d'Europa, l'8 agosto 1949 presso il Municipio di Strasburgo

Prima riunione del Comitato dei Minstri del Consiglio d'Europa, l'8 agosto 1949 presso il Municipio di Strasburgo

Dall’8 al 13 agosto 1949, il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa si riunì per la prima volta, presso il Municipio di Strasburgo.

Nel quadro della Presidenza francese del Comitato dei Ministri e del 70o anniversario del Consiglio d’Europa, una riunione commemorativa riunirà gli ambasciatori degli attuali 47 paesi membri dell’Organizzazione, il 18 settembre.

Questo evento sarà un’occasione per ricostruire la sala e l’ambiente in cui si è tenuta la prima riunione del Comitato dei Ministri presso il Municipio di Strasburgo. Inoltre, al Municipio, si terrà un’esposizione intitolata “Europa 1949: la Storia si scrive a Strasburgo”, accompagnata dalla proiezione di un film storico di 9 minuti.

Un libro contenente 30 testimonianze sulla storia del Consiglio d’Europa, “Artigiani dell’Europa”, (tra cui quelle di Charles Kohler, Catherine Lalumière, Guido Raimondi e Catherine Trautmann), pubblicato da Editions de la Nuée Bleue, sarà ugualmente presentato al personale del corpo diplomatico nel corso della riunione.

Apice delle attività in occasione delle Giornate europee del patrimonio, l’esposizione, che ripercorre la nascita del Consiglio d’Europa a seguito della Seconda guerra mondiale e i primi passi compiuti da questa nuova organizzazione internazionale a Stasburgo, sarà aperta al pubblico sabato 21 settembre dalle 14:00 alle 18:00 e domenica 22 settembre dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 18:00. Saranno inoltre proposte delle visite guidate a tutte le ore.

L’esposizione è il risultato della collaborazione tra il comune di Strasburgo e la delegazione permanente della Francia presso il Consiglio d’Europa. È stata organizzata con il supporto, in particolare, degli Archivi comunali della città di Strasburgo, degli Archivi del Bas-Rhin, della Biblioteca nazionale e universitaria di Strasburgo, del quotidiano Dernières Nouvelles d’Alsace, della rivista Saisons d’Alsace, dell’Istituto nazionale dell’audiovisivo francese (INA), del Ministero francese dell’Europa e degli Affari esteri e del Consiglio d’Europa.

"Questo splendido incontro dei cittadini di Strasburgo è stato convocato per mostrare al mondo la forza che detiene l'idea di un'Europa unita". È con questa citazione di Winston Churchill, pronunciata a Strasburgo il 12 agosto 1949 dinanzi a 25.000 persone, che il sindaco di Strasburgo, Roland Ries, ha aperto la cerimonia di rievocazione della prima riunione del Comitato dei Ministri. "A quei tempi, dominati dalla volontà di avviare un nuovo inizio dopo la tragedia, l'Europa e l'unità europea generavano un sentimento di speranza ed entusiasmo. L'Europa era benvoluta. L'Europa era necessaria. Sono questi lo spirito e la passione che Strasburgo conserva intatti difendendo tuttora l'Europa dei valori", ha continuato Ries.

Riferendosi anch’egli a Winston Churchill, il Segretario generale, Thorbjørn Jagland, ha citato il discorso pronunciato 73 anni fa all'Università di Zurigo in cui Churchill ha dichiarato: "Dobbiamo ricostruire la famiglia europea in una struttura regionale... e il primo passo pratico sarà la creazione di un Consiglio d'Europa”. “Churchill si esprimeva dunque nel contesto di un'aspirazione a un nuovo ordine mondiale, in cui il multilateralismo e l'internazionalismo potevano prosperare", ha ribadito Jagland.

"Rendendo omaggio alla storia, questa commemorazione si svolge durante la Presidenza francese, uno dei dieci paesi fondatori, nonché paese ospitante dell'organizzazione che ci sta tanto a cuore”, ha dichiarato Jean-Baptiste Mattéi, Ambasciatore della Francia presso il Consiglio d'Europa.

Video Video

 

Maggiori informazioni Maggiori informazioni

Il Comitato dei Ministri, composto dai Ministri degli Affari esteri dei 47 Stati membri o dai loro delegati permanenti, è l’organo decisionale del Consiglio d’Europa. Ogni paese è rappresentato su una base strettamente paritaria, secondo il principio “un paese, una voce”.

Insieme all’Assemblea parlamentare, costituisce il guardiano dei valori fondamentali del Consiglio, determina la politica dell’Organizzazione, approva il suo bilancio e il suo programma di attività e vigila sul rispetto degli impegni assunti da parte dei paesi membri.

I ministri o i loro delegati lavorano congiuntamente al fine di trovare delle risposte da fornire ai problemi cui sono confrontati i paesi europei. Il Comitato dei Ministri ha proposto ai paesi membri l’adesione a più di 200 convenzioni intese a proteggere i diritti di oltre 830 milioni di cittadini, di cui la più celebre è la Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Programma Programma
  • 10:15 - 10:35 – Accoglienza degli ambasciatori (Rue Brûlée)
  • 10:35 – 10:45 – Foto di gruppo nel cortile d’onore del Municipio
  • 10:45 – 11:00 Discorsi

. Roland Ries, Sindaco di Strasburgo

. Thorbjørn Jagland, Segretario generale del Consiglio d’Europa

. Jean-Baptiste Mattéi, Ambasciatore, Rappresentante permanente della Francia presso il Consiglio d’Europa

  • 11:00 Inno europeo
  • 11:05 – 11:15 Accesso alla sala di ricevimento principale attraverso la scalinata d’ingresso

. Fotografia di rievocazione del primo incontro del Comitato dei Ministri con gli Ambasciatori dei paesi fondatori (Belgio, Danimarca, Francia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito e Svezia).

  • 11:15 – 11:45 – Sala 17, accanto alla sala di riceviento principale:

. Proiezione di un film (9 minuti)

. Presentazione del libro sulla storia del Consiglio d’Europa “Artigiani dell'Europa”

  •  11:45 – 12:00 – Cortile d’onore: cerimonia di conferimento della medaglia della città di Strasburgo a Thorbjørn Jagland da parte del Sindaco