Il 26 settembre 2007, il Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa decise di indire una ''Giornata europea contro la pena di morte'', che da allora si tiene ogni anno il 10 ottobre. Il Consiglio d' Europa ha svolto un ruolo determinante nel processo che ha trasformato l' Europa in uno spazio libero dalla pena di morte sin dal 1997. Tale giornata costituisce un contributo europeo alla Giornata mondiale contro la pena di morte che si celebra ogni anno lo stesso giorno.

Consiglio d'Europa Strasburgo 9 ottobre 2018
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
10 ottobre: Giornata europea contro la pena di morte

Il Consiglio d’Europa, che include 47 Stati membri, e l’Unione Europea, che ne conta 28, hanno pubblicato una dichiarazione congiunta in occasione della Giornata europea e mondiale contro la pena di morte del 10 ottobre.

La dichiarazione afferma la forte opposizione delle due organizzazioni alla pena capitale in qualsiasi circostanza.

“La pena di morte è un affronto alla dignità umana. Essa rappresenta un atto crudele, disumano e degradante, contrario al diritto alla vita. La pena di morte non ha nessun effetto deterrente accertato e rende ogni errore giudiziario irreversibile.” – Thorbjørn Jagland, Segretario generale del Consiglio d’Europa e Federica Mogherini, Alto rappresentante dell'Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza.

In attesa dell’introduzione di una moratoria, la dichiarazione esorta i paesi che ancora ricorrono alla pena di morte – tra i quali troviamo soprattutto la Bielorussia l'unico paese nel continente europeo che ancora applica la pena di morte – a commutare le condanne a morte rimanenti in pene detentive.

La dichiarazione invita inoltre ogni Stato membro del Consiglio d’Europa e dell’Ue ad adottare misure efficaci per prevenire il proprio coinvolgimento nel ricorso alla pena capitale da parte di paesi terzi, per esempio prevenendo scambi di merci che potrebbero essere successivamente utilizzate per le esecuzioni.

Attraverso la Convenzione europea dei diritti dell'uomo, il Consiglio d’Europa ha creato una zona libera dalla pena di morte che conta 47 paesi europei e oltre 820 milioni di persone.

Nessuna esecuzione ha avuto luogo in alcuno Stato membro del Consiglio d’Europa da oltre 20 anni.