Il patrimonio culturale, pilastro della costruzione europea

In che modo i cittadini europei possono davvero rendersi conto che il loro patrimonio culturale è elemento di unione e di differenza e costituisce uno strumento di scoperta e comprensione reciproca?

Proprio per riprendere questa sfida, nel 1991 il Consiglio d'Europa ha lanciato le Giornate Europee del Patrimonio (GEP), iniziativa che nel 1999 è diventata un'azione congiunta del Consiglio d'Europa e della Commissione europea.

In tutta Europa, nei fine settimana del mese di settembre, le Giornate europee del patrimonio aprono le porte di numerosi edifici e monumenti, alcuni dei quali generalmente chiusi al pubblico.

I 50 Stati firmatari della Convenzione culturale del Consiglio d'Europa partecipano attivamente a questa iniziativa e, secondo le stime, sono circa 20 milioni i visitatori che si recano negli oltre 30.000 luoghi e monumenti coinvolti.

Edizione 2018 Edizione 2018
Consiglio d'Europa Strasburgo 28 agosto 2018
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Giornate europee del patrimonio 2018: Celebrare l’arte della condivisione

Le Giornate europee del patrimonio (EHD), un’iniziativa congiunta del Consiglio d’Europa e della Commissione europea, rappresentano un insieme di eventi culturali partecipativi tra i più celebrati dai cittadini europei. Per la loro natura paneuropea, questi eventi tendono a riunire i cittadini e contribuiscono a far emergere la dimensione europea e il valore del patrimonio culturale nei 50 Stati firmatari della Convenzione culturale europea. Ogni anno sono organizzati oltre 70.000 eventi per sensibilizzare il pubblico al patrimonio comune dell’Europa e alla continua necessità di proteggerlo, far condividere l’esperienza del patrimonio culturale, promuovere la partecipazione e incoraggiare la creatività e l’immaginazione.

Quale iniziativa chiave dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018, questa edizione delle #EHDs celebra « L'arte della condivisione ». L'Anno europeo del patrimonio culturale mira a incoraggiare le persone a esplorare la cultura ricca e diversificata dell’Europa, nonché a celebrare, proteggere e riflettere sul suo valore unico.

Un programma vasto e articolato, che si svolgerà dalla fine di agosto fino a ottobre nei paesi partecipanti, comprenderà mostre, laboratori artigianali, conferenze, visite guidate, festival e molte altre attività. Numerosi eventi esploreranno il ruolo delle nuove tecnologie digitali nel futuro del patrimonio e della sua conservazione.

Sarà possibile scoprire le foreste delle colline del Beaujolais in Francia attraverso una mostra, partecipare alla Fiera francescana in Polonia, osservare le balene in Irlanda, scoprire una mostra digitale sul patrimonio in Grecia, fruire di un festival di storia medievale nella Repubblica ceca o partecipare a un giro in bicicletta speciale che celebra le voci delle donne nel Regno Unito.

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Ogni anno, vengono organizzati eventi nazionali e regionali su un tema specifico.

  • Specifiche forme di patrimonio: strumenti musicali, tradizioni culinarie, architettura dei giardini
  • Periodi storici specifici: patrimonio medievale, patrimonio barocco
  • Approcci della società al patrimonio: patrimonio e cittadinanza, patrimonio e giovani

Obiettivi delle Giornate Obiettivi delle Giornate
  • Rendere i cittadini europei consapevoli della ricchezza e della diversità culturale europea
  • Creare un clima che consenta di apprezzare il vasto mosaico delle culture europee
  • Contribuire a rafforzare il sentimento di condivisione di una comune identità europea
  • Contrastare il razzismo e la xenofobia e promuovere una maggiore tolleranza in Europa e al di là dei confini nazionali.
Sapevate che... Sapevate che...

Lo slogan permanente delle GEP è: ''Europa, un patrimonio comune"

Link correlati Link correlati
Link utile Link utile