Indietro

Sovraffollamento delle carceri in Italia: la Vice Segretario generale riceve il ministro italiano della Giustizia Orlando

Vice Segretario generale
Strasburgo 22/05/2014
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Andrea Orlando and Gabriella Battaini-Dragoni

Andrea Orlando and Gabriella Battaini-Dragoni

Le misure intraprese dall’Italia per ridurre il sovraffollamento delle carceri e la durata eccessiva dei processi giudiziari sono stati al centro delle discussioni tra Gabriella Battaini-Dragoni e Andrea Orlando, ministro italiano della Giustizia. La Vice Segretario generale ha espresso apprezzamento per le importanti azioni portate avanti dall’Italia con l’obiettivo di diminuire il sovraffollamento delle carceri, tra cui la riduzione del numero di detenzioni pre-processuali e la facilitazione nell’uso di misure non detentive. Il ministro e la Vice Segretario generale hanno discusso dei progetti per migliorare l’efficienza del sistema giudiziario e di come affrontare la questione della durata eccessiva dei processi penali e civili nei casi presentati alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Riferendosi alla cooperazione internazionale relativamente agli standard preventivi e accusatori per lottare contro il riciclaggio di denaro, la Vice Segretario generale ha incoraggiato l’Italia a ratificare la Convenzione del Consiglio d’Europa sul riciclaggio, la ricerca, il sequestro e la confisca dei proventi di reato e sul finanziamento del terrorismo. “Entrare a far parte di questo trattato permetterebbe ai pubblici ministeri italiani di essere assistiti nel portare avanti in modo più efficiente i procedimenti, e avrebbe un effetto deterrente per gli ordini di confisca”, ha dichiarato Gabriella Battaini Dragoni.

Nel corso della visita ufficiale, il ministro si è inoltre intrattenuto in uno scambio di opinioni con il presidente della Corte europea dei diritti dell’uomo, Dean Spielmann.

L'Italia e il Consiglio d'Europa


Seguici Seguici

       

Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter