Indietro

Contraffazione di farmaci: il Consiglio d’Europa potenzia la propria attività a livello mondiale con la Convenzione MEDICRIME

Farmacopea europea
Strasburgo 14/10/2013
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Contraffazione di farmaci: il Consiglio d’Europa potenzia la propria attività a livello mondiale con la Convenzione MEDICRIME

Settanta partecipanti di 32 paesi di tutti i continenti, Stati membri e osservatori del Consiglio d'Europa, Stati osservatori della Commissione della Farmacopea europea si riuniranno il 16 e 17 ottobre a Strasburgo per discutere le collaborazioni da attuare sia dal punto di vista giuridico che della salute pubblica, in modo da permettere una ratifica rapida dellaConvenzione MEDICRIME da parte del maggior numero di Stati a livello mondiale.

Nel giugno del 2013, un centinaio di paesi hanno partecipato a un'operazione mondiale PANGEA VI volta a smantellare le reti criminali all'origine della vendita illecita di farmaci on-line, che ha portato a 58 arresti in tutto il mondo, al sequestro di 10,1 milioni di pasticche illecite e contraffatte potenzialmente pericolose, e alla chiusura di più di 13.700 siti Internet.

Per lottare contro questo fenomeno, permettere una cooperazione internazionale efficace e proteggere i pazienti, una soluzione presentata dal Consiglio d'Europa è la Convenzione internazionale MEDICRIME. Si tratta del primo e unico strumento giuridico attualmente a disposizione della comunità internazionale. Il principale interesse è introdurre sanzioni penali per atti intenzionali, come "l'offerta, la fornitura di prodotti medici contraffatti" ma anche per reati detti "simili" come la vendita di un prodotto senza l'autorizzazione delle autorità e presentato come efficace contro una malattia.

Tale conferenza completa le altre iniziative e i sostegni che il Consiglio d'Europa apporta ai propri paesi membri di cui un certo numero ha già avviato le pratiche preliminari alla ratifica. Ad oggi, 23 paesi hanno firmato laConvenzione. La Spagna ha recentemente ratificato la Convenzione unendosi all'Ucraina, e altre ratifiche sono attese prossimamente. (segue...)


Seguici Seguici

       

Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter