"Itinerario culturale del Consiglio d'Europa" certificato nel 2005

 

All'inizio del X secolo, Guglielmo il Pio, Duca d’Aquitania, fondò un’abbazia Benedettina a Cluny, nella regione francese della Borgogna. Questa grandiosa abbazia era il centro di una rete di oltre 1800 monasteri e edifici affini in Europa e oltre i confini del continente, noti come siti cluniacensi. Cluny divenne così una capitale spirituale e un focolaio di sviluppo sociale e culturale in una società medievale alla ricerca di un significato più profondo.

 

Patrimonio

A Cluny, nel cuore dell’Itinerario, si trovano i resti della grande chiesa abbaziale, la Maior Ecclesia, il più grande edificio religioso dell'Europa medievale. Cluny era conosciuta all'epoca come "la seconda Roma" e dispone ora del secondo più grande numero di edifici medievali nel mondo, dopo Venezia. Il patrimonio tramandatoci dai monaci in Europa, peraltro, si estende oltre il patrimonio costruito. In oltre 1800 siti (tra cui monasteri, scuole, castelli, borghi, città, vigneti e mulini) sono conservati oggetti come manoscritti e le loro miniature, spartiti musicali, convenzioni, mobili, opere d'arte e reperti archeologici, ma anche paesaggi, vini e tradizioni.

 

Viaggiare oggi

Ogni sito cluniacense racconta a modo suo la storia del proprio patrimonio materiale e immateriale. Attraverso le sue destinazioni cluniacensi, la Federazione offre un'introduzione tematica che porta i partecipanti fuori dai sentieri battuti. Gli escursionisti esperti o occasionali apprezzeranno i Viaggi cluniacensi, che possono durare da un'ora ad alcune settimane. Infine, l'enciclopedia digitale Clunypedia rappresenta un mezzo per conoscere questi siti e per rendere le visite più istruttive, divertenti ed emozionanti, fornendo una conoscenza del patrimonio cluniacense accessibile a tutti.

Valori del Consiglio d'Europa

L'abbazia di Cluny, come parte integrante di un vero e proprio sistema ecclesiastico, contribuì all'emergere di un'Europa feudale e svolse un ruolo importante nell'affermazione di una cultura comune a diverse regioni europee, andando oltre le frontiere politiche. Oggi, la Federazione europea dei siti cluniacensi promuove questo patrimonio comune, fungendo da strumento per il dialogo interculturale e la comprensione di una storia europea condivisa.

 

Fédération Européenne des Sites Clunisiens
Tour des Fromages
FR-71250 Cluny (FRANCE)
Tel: +33 (0) 3 85 59 31 82
administration@sitesclunisiens.org

Rémy REBEYROTTE, Presidente
Christophe VOROS, Direttore

Sito web ufficiale
www.sitesclunisiens.org

Facebook
Fédération Européenne des Sites Clunisiens

Twitter
@SitesClunisiens


Con il sostegno di: