Contentverzamelaar Contentverzamelaar
Terug

Il Premio Nord-Sud 2020 pone l’accento sul diritto alla vita e sui cambiamenti climatici

Centro Nord-Sud Strasburgo 17 dicembre 2020
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Il Premio Nord-Sud 2020 pone l’accento sul diritto alla vita e sui cambiamenti climatici

Il Premio Nord-Sud 2020 è stato assegnato alla Commissione internazionale contro la pena di morte (ICDP) e alla Rete di esperti mediterranei sui cambiamenti climatici e ambientali (MedECC) dell’Unione per il Mediterraneo

La giuria ha riconosciuto il contributo fondamentale fornito dall'ICDP, nel corso dei suoi dieci anni di esistenza, alla lotta contro la pena di morte e il ruolo determinante svolto all’interno del movimento internazionale a favore della sua abolizione. In occasione del 10° anniversario dell'ICDP, il Premio Nord-Sud ricompensa i suoi sforzi volti a promuovere il più fondamentale dei diritti umani, il diritto alla vita, e il continuo impegno per stimolare la solidarietà e i partenariati internazionali. 22 personalità e 23 paesi di tutto il mondo contribuiscono alla missione dell'ICDP, al fine di intervenire dappertutto nel mondo per il conseguimento di questo obiettivo comune.

La giuria ha ugualmente premiato le attività della Rete di esperti mediterranei sui cambiamenti climatici e ambientali (MedECC) dell’Unione per il Mediterraneo, composta da oltre 600 scienziati di 35 paesi del Mediterraneo e dell’Europa. Le Rete MedECC, che ha elaborato la prima valutazione scientifica dell’impatto dei cambiamenti climatici e ambientali nel bacino mediterraneo, rappresenta un esempio eccellente del potenziale della collaborazione tra Stati e società per affrontare le sfide dei cambiamenti climatici e della sostenibilità ambientale, nonché una risposta alla necessità di una cooperazione scientifica tra esperti per realizzare analisi fondate sulle conoscenze, in quanto solida base per la pianificazione politica. I suoi lavori contribuiscono a promuovere l’obiettivo globale del limite dell’1,5° previsto dall’Accordo di Parigi nella regione. La Rete costituisce inoltre un esempio concreto della visione del Mar Mediterraneo in quanto spazio condiviso di pace, di sviluppo e di rispetto dei diritti umani, che ha portato alla creazione, 25 anni or sono, del Processo di Barcellona.

Con la sua decisione, la giuria del Premio Nord-Sud del Consiglio d’Europa desidera evidenziare due cause universali indissolubilmente legate ai principi dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto, che rappresentano i principali valori del Consiglio d’Europa e che sottolineano ugualmente l’importanza dei partenariati e della cooperazione per affrontare le sfide mondiali comuni.

Per maggiori informazioni, consultare la Decisione della giuria


 Centro Nord-Sud


Contentverzamelaar Contentverzamelaar
Webcontent weergeven Webcontent weergeven

       

Webcontent weergeven Webcontent weergeven
galleries link
Webcontent weergeven Webcontent weergeven
Webcontent weergeven Webcontent weergeven