Rom in Ucraina e in Europa nel 2022

Dichiarazione della Segretaria generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić sulla Giornata internazionale dei Rom
Segretaria generale Strasburgo 7 aprile 2022
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Rom in Ucraina e in Europa nel 2022

“L’8 aprile è sempre una buona occasione per celebrare il popolo rom e il contributo che apporta alle nostre società moderne e diversificate. Tuttavia, è anche un momento per riflettere sulle difficoltà e le sofferenze che vivono molte persone e comunità rom e per rinnovare il nostro impegno ad affrontarne le cause principali.

In questa Giornata internazionale dei Rom, il mio pensiero va in particolare alla comunità rom che soffre. L’attuale aggressione della Federazione russa in Ucraina sta causando un danno terribile. Il popolo rom fa parte di quei milioni di ucraini che ora sono sfollati e sono diventati rifugiati che cercano sicurezza attraversando i confini. Per alcuni di loro, le barriere linguistiche e la mancanza di documenti ufficiali rendono la fuga ancora più difficile. I paesi europei stanno giustamente accogliendo milioni di ucraini che fuggono dalla guerra. Chiedo a ciascuno di questi paesi di fornire assistenza e sicurezza a chiunque ne abbia bisogno, nell’interesse dei loro diritti umani.

Anche i Rom che rimangono in Ucraina necessitano di sostegno. La scorsa settimana, il Consiglio d’Europa ha organizzato una consultazione online con le ONG rom che sono ancora attive nel paese. Nonostante le attuali condizioni, 35 rappresentanti si sono riuniti per discutere le sfide che affrontano attualmente i Rom ucraini. Siamo al loro fianco ora, come lo saremo anche quando l’aggressione sarà finita. Allo stesso modo, non dobbiamo perdere di vista i problemi più ampi che affrontano i Rom europei e la nostra capacità di aiutarli a risolverli. Il nostro Piano d’azione strategico per l’inclusione dei Rom e dei Viaggianti (2020-2025) è un’esplicita dichiarazione del nostro costante impegno a combattere l’antiziganismo e ad assicurare l’uguaglianza dei Rom in tutto il nostro continente condiviso. La strada da percorrere è questa.

La storia, la cultura e l’identità dei Rom sono intrecciate nel tessuto della società europea. Questo ci rende tutti più forti. Insieme, avanziamo e creiamo un continente che sia sicuro, vivace ed inclusivo, in cui i diritti di ogni persona sono garantiti a vantaggio di tutti.”


 Maggiori informazioni

Seguici

       

Galleria fotografica
galleries link
Facebook
@coe_ita su Twitter