Dettagli del Trattato n°167

Protocollo addizionale alla Convenzione sul trasferimento delle persone condannate
Titolo Protocollo addizionale alla Convenzione sul trasferimento delle persone condannate
Riferimento STE n°167
Apertura del trattato Strasburgo, 18/12/1997  - Trattato aperto alla firma degli Stati membri e degli altri Firmatari del Trattato STE 112 e all’adesione degli Stati non membri i quali hanno aderito al Trattato STE 112
Entrata in vigore 01/06/2000  - 3 Ratifiche.
Riassunto

Il Protocollo individua le regole applicabile al trasferimento dell’esecuzione delle pene, sia nel caso di persona condannata che resasi latitante nello Stato di condanna rientra nello Stato di cittadinanza, sia nel caso di persona condannata che subisce una misura di espulsione o di riaccompagnamento alla frontiera in seguito alla sua condanna.

Esso completa la Convenzione del 1983 sul trasferimento delle persone condannate (STE no. 112), il cui scopo principale è quello di favorire il reinserimento sociale dei cittadini stranieri condannati, consentendo la pena da scontare nel paese di origine. La presente Convenzione si fonda in gran parte su principi umanitari, essendo basato sulla considerazione che le difficoltà di comunicazione, barriere linguistiche e la privazione del contatto con la famiglia possono avere effetti negativi sulla detenuti stranieri.

After the opening for signature of the Protocol amending the Additional Protocol to the Convention on the Transfer of Sentenced Persons (CETS No. 222, 22 November 2017) and before its entry into force, a Party to the Convention may not ratify, accept, approve or accede to the Additional Protocol unless it has simultaneously ratified, accepted or approved the amending Protocol (Article 3.2 of the Protocol CETS No. 222).

Testi ufficiali
Testi DE, IT, RU
Link correlati Firme e ratifiche
Riserve et Dichiarazioni
Rapporto esplicativo
Protocolli
Testi correlati
Siti correlati
Condividi
Fonte: Ufficio dei Trattati, http://conventions.coe.int - * Disclaimer.