Détails du traité n°223

Protocole d’amendement à la Convention pour la protection des personnes à l'égard du traitement automatisé des données à caractère personnel
Titre Protocole d’amendement à la Convention pour la protection des personnes à l'égard du traitement automatisé des données à caractère personnel
Référence STCE n°223
Ouverture du traité Strasbourg, 10/10/2018  - Traité ouvert à la signature des Etats contractants au traité STE 108
Entrée en vigueur  - Conditions spéciales.
Résumé

Il Protocollo di emendamento si propone di modernizzare e migliorare la Convenzione (STE no. 108), tenendo conto delle nuove sfide emerse in materia di protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato di dati a carattere personale, dopo l’adozione della Convenzione nel 1980.

L’aggiornamento della Convenzione per la protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato di dati a carattere personale, unico strumento internazionale giuridicamente vincolante di portata mondiale in questo campo, affronta i problemi posti al rispetto della vita privata dall’uso delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione e rafforza il meccanismo della Convenzione, per garantirne l’effettiva applicazione.

Il Protocollo istituisce un quadro giuridico multilaterale solido e flessibile, destinato a facilitare il flusso transfrontaliero dei dati, offrendo nel contempo effettive garanzie in caso di uso di dati personali. Rappresenta un ponte tra diverse regioni del mondo e tra varie cornici normative, compreso in particolare il nuovo Regolamento dell’Unione europea, pienamente applicabile dal 25 maggio 2018, che fa riferimento alla Convenzione 108 nel contesto del flusso transfrontaliero dei dati.

Tra le novità del Protocollo:

  • Esigenze più rigorose riguardanti i principi di proporzionalità e di minimizzazione dei dati e la liceità dell’elaborazione dei dati;
  • Ampliamento delle categorie di dati noti come “sensibili”, che comprenderanno d’ora in poi i dati genetici e biometrici, quelli indicanti l’adesione a sindacati e l’origine etnica;
  • L’obbligo di notificare la violazione dei dati;
  • Una maggiore trasparenza relativa all’elaborazione dei dati;
  • Nuovi diritti delle persone riguardo a processi decisionali basati su algoritmi, che assumono una particolare rilevanza nell’ambito dello sviluppo dell’Intelligenza artificiale;
  • Rafforzamento della responsabilità degli addetti al controllo dei dati;
  • Obbligo dell’applicazione del principio della “tutela della vita privata fin dalla fase di progettazione”;
  • Applicazione dei principi relativi alla protezione dei dati a tutte le attività di trattamento dei dati, comprese quelle effettuate per motivi di protezione della sicurezza nazionale, con eventuali eccezioni e restrizioni, fatte salve le condizioni enunciate nella Convenzione, in ogni caso con la garanzia di un controllo e di una sorveglianza efficaci e indipendenti;
  • Istituzione di un chiaro sistema di norme per disciplinare il flusso transfrontaliero dei dati;
  • Rafforzamento dei poteri e dell’indipendenza delle autorità preposte alla protezione dei dati e delle basi giuridiche necessarie per la cooperazione internazionale.
Textes officiels
Textes DE, IT, RU
Liens associés Signatures et ratifications
Réserves et déclarations
Rapport explicatif
Textes associés
Sites associés
Partage
Source : Bureau des Traités http://conventions.coe.int - * Disclaimer.