Back to Summit's home page
Home
CoE in breve
  Per la stampa
Comunicati stampa
Risorse multimedia
Download il logo del Vertice

Foto
17 maggio 2005
16 maggio 2005
Vertice Giovent¨
Parata Schuman
Riunione OING
Preparativi del Vertice
Download

Testi adottati
Dichiarazione finale
Piano d'azione
In breve
Perché un Vertice?
Gli obiettivi di un Vertice
Documenti
  Lista dei capi delegazione
Lista degli oratori
Programma
Testi di riferimento
Discorsi
Biografie
Approfondimenti
  Dossier
  Siti di riferimento



Presidenza polacca
Rappresentanza Permanente della Polonia
  Centri informazione



Siti per paese
Siti "speciale Vertice"
Archivi
Vertici precedenti

Fa fede solo il discorso pronunciato

Discorso dell’Arcivescovo Giovanni Lajolo, segretario per le relazioni di Stato della Santa Sede

2. Sfide poste alle societÓ europee

L’Europa ha di fronte a sÚ le sfide che provengono dal suo dinamismo interno, e le sfide nel suo approccio ai problemi mondiali. Non potrÓ abbordare con successo le une senza dare risposta adeguata alle altre.

1. Quanto alle prime, il Consiglio d’Europa, come garante della sicurezza democratica, basata sul rispetto dei diritti dell’uomo, e dello Stato di diritto, si trova confrontato con una duplice esigenza:
a. l’esigenza che il principio di uguaglianza non torni a scapito della tutela della legittima diversitÓ: giustizia vuole infatti che rapporti uguali siano regolati in maniera uguale e rapporti diversi in maniera differenziata;
b. l’esigenza che il principio di libertÓ individuale non venga svincolato dal suo naturale inserimento nella totalitÓ delle relazioni sociali, e quindi anche dal principio della responsabilitÓ sociale: il quale conferisce ad esso, in veritÓ, un momento essenziale della sua valenza positiva.
I riflessi di un tale confronto nell’articolazione dei rapporti interstatali come di quelli sociali, familiari ed individuali sono evidenti.

2. D’altra parte, sfide molto concrete provengono dai grandi problemi mondiali ereditati dal secolo XX: la minaccia nucleare, che rischia ora di sottrarsi all’esclusiva responsabilitÓ storica delle grandi potenze, l’insorgere di fondamentalismi politico-religiosi, i grandi fenomeni migratori, ed alcune situazioni di pericolosa instabilitÓ a livello statale anche nello stesso ambito europeo: mi riferisco qui in particolare alla situazione della Bosnia-Erzegovina e della regione del Kosovo, entrambe bisognose di un assetto sicuro, che non pu˛ essere ottenuto senza assicurare efficaci garanzie per le minoranze.

3. La Santa Sede offre, in spirito di servizio, l’appoggio proprio e di tutta la Chiesa Cattolica, perchÚ a tali sfide si dia una risposta adeguata. Essa Ŕ persuasa che il messaggio di fraternitÓ, proprio del Vangelo, la vasta azione caritativa delle organizzazioni cattoliche, l’impegno al dialogo ecumenico e a quello interreligioso si possano saldare connaturalmente all’impegno di dialogo politico, interreligioso ed interculturale, menzionato nella dichiarazione finale di questa Assemblea, e che la Santa Sede volentieri incoraggia.

3. Architettura europea


Vorrei spendere una parola anche sul tema dell’architettura europea. Senza presumere di proporre soluzioni tecniche, la Delegazione della Santa Sede intende svolgere alcune semplici considerazioni, come contributo alla riflessione comune.

1. Un migliore coordinamento delle Organizzazioni Europee non risponde soltanto a imperativi di coerenza concettuale e politica o di economia di bilancio, ma Ŕ richiesta da ci˛ che costituisce l’originalitÓ creativa del progetto europeo. Il buon esito di questo non esige infatti soltanto un efficace funzionamento delle singole grandi istituzioni, ma anche una loro equilibrata sinergia, che consenta ai cittadini europei di percepire l’Europa come la loro "casa comune", a servizio della persona umana e della societÓ.

2. L’esperienza del Consiglio d’Europa, di cui Ŕ riconosciuta la competenza acquisita in campo giuridico, Ŕ particolarmente preziosa, perchÚ traccia i contorni di ci˛ che potrebbe diventare un progetto di societÓ europea. Le oltre 190 Convenzioni del Consiglio d’Europa, che trattano di educazione, cultura, minoranze, rifugiati, migrazioni, ecologia, mezzi di comunicazione sociale, ecc. coprono una notevole parte dei settori della dimensione sociale.

Inoltre l’estensione territoriale assunta dal Consiglio d’Europa l’avvicina all’Organizzazione per la Cooperazione e la Sicurezza d’Europa. L’OSCE si contraddistingue, per˛, tra l’altro, per la sua dimensione transatlantica, indispensabile per il mantenimento della pace in un mondo globalizzato e per il suo mandato nell’ambito dei conflitti. Delle tre vie della costruzione europea delineate nei tre panieri dell’OSCE – concernenti rispettivamente la politica per la sicurezza, la cooperazione economica ed ambientale e la dimensione umana – sarÓ ovviamente quest’ultima ad offrire il campo pi¨ vasto di collaborazione tra il Consiglio d’Europa e l’OSCE.

3. Per quanto riguarda l’ Unione Europea, Ŕ nel settore giuridico relativo ai diritti umani che si delineano ancora nuove concrete possibilitÓ per una pi¨ stretta collaborazione istituzionale. Il comune impegno per il rafforzamento dei diritti umani e della protezione legale dei cittadini europei – espresso anche nella volontÓ dell’Unione Europea di aderire alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertÓ fondamentali – dovrÓ trovare opportuna articolazione nelle proposte attese da parte del Gruppo di coordinamento creato nel dicembre 2004.

4. Concludendo, desidero assicurare che per la costruzione del grande progetto europeo la Santa Sede non mancherÓ di continuare ad offrire la sua collaborazione.