Persone con disabilità Persone con disabilità

Rimuovere le barriere per creare una società inclusiva e accessibile

Allorché un europeo su dieci è affetto da un handicap più o meno pronunciato, la collettività prende coscienza del fatto che sta a lei d'adattarsi ai bisogni delle persone disabili, e non più il contrario.

Come ogni indivuduo, le persone disabili, devono poter godere della loro piena cittadinanza e prendere liberamente le decisioni che li riguardano.

Le politiche condotte in favore delle persone disabili si sono spesso limitate al versamento d'aiuti finanziari o materiali, mentre l'accento dovrebbe essere posto su una migliore ''integrazione'' delle persone disabili all'interno della società.

Nell'aprile 2006, il Consiglio d'Europa ha adottato un Piano d'azione per le persone disabili (2006-2015). Il Piano d'azione contiene 15 linee direttrici, tra cui la partecipazione alla vita politica, pubblica e culturale, educazione, informazione e comunicazione, impiego, accesso agli edifici e ai trasporti. Il Piano attira l'attenzione anche sui bisogni delle donne e dei bambini disabili e sulle persone affette da gravi disabilità, che richiedono un alto livello di assistenza.

Internet offre un enorme potenziale per l'integrazione sociale delle persone con disabilità (lavoro on line, democrazia elettronica, accesso alla conoscenza e all'informazione). Occorre, tuttavia, prestare particolare attenzione alle questioni relative all'accessibilità.

Maggiori informazioni sulla conferenza "Piena integrazione nella società di bambini e giovani con disabilità" (21-22 novembre 2013)

SYMPOSIUM INTERNAZIONALE: DIRITTI UMANI E DISABILITÀ 10-11 aprile 2014, Vienna (Austria)

Nel quadro della presidenza austriaca del Consiglio d'Europa, il ministro federale austriaco del Lavoro, degli Affari sociali e della Tutela dei consumatori e il Consiglio d'Europa organizzano il symposium "Diritti umani e disabilità" il 10 e 11 aprile 2014 a Vienna (Hofburg, Josefsplatz 3).

Il symposium si propone di presentare le prospettive politiche e gli strumenti giuridici relativi ai diritti umani del Consiglio d'Europa e delle Nazioni Unite e di mostrare la loro importanza per le persone disabili. Le discussioni verteranno sulla partecipazione nella società in particolare nel mondo del lavoro e nella vita politica.

Per permettere un ampio scambio di opinioni, il symposium accoglierà i rappresentanti dei 47 Stati membri del Consiglio d'Europa, di organizzazioni internazionali, del mondo universitario, nonché deputati, mediatori e membri della società civile.

Programma
Scheda informativa

Giornata internazionale delle persone con disabilità - edizione 2013

In occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, il Segretario generale Thorbjørn Jagland invita gli Stati membri a passare rapidamente da un approccio medico a un approccio basato sui diritti umani nei confronti della disabilità.

Il Segretario generale ha affermato che "circa il 15% della popolazione europea ha una qualche forma di disabilità. In alcuni Stati membri, le persone con disabilità vengono ancora ricoverate contro la propria volontà. Alcune sono private del diritto di voto. Altre sono emarginate dalla società, o vengono costrette a frequentare scuole speciali o segregate. Coloro che trovano lavoro sono spesso assunti in locali coperti senza nessun tipo di protezione delle norme nazionali che regolano il diritto del lavoro.

La società europea e le autorità degli Stati membri devono salvaguardare il diritto di tutti gli europei alla piena partecipazione nella società e dovrebbero incoraggiare la cittadinanza e l'inclusione fin da giovane età.

Vorrei che tutti gli Stati membri esaminassero attentamente lo status delle persone con disabilità in base al programma della Convenzione dell'ONU sui diritti delle persone con disabilità (UN CRPD) e al Piano d'Azione per la disabilità 2006-20015 del Consiglio d'Europa per assicurare che tutti gli europei possano godere pienamente dei diritti umani".

Consultare anche:
Donne e ragazze handicappate maggiormente a rischio violenza

Giornata internazionale delle persone con disabilità - edizione 2012

Il 3 dicembre, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, il Segretario generale del Consiglio d’Europa Thorbjørn Jagland ha invitato i governi ad utilizzare le norme del Consiglio d’Europa per tutelare e favorire l’autonomia dei milioni di persone portatrici di handicap.

“Il tema adottato quest’anno, quello di rimuovere le barriere per creare una società inclusiva e più accessibile ci ricorda quanto ancora deve essere fatto per garantire che le persone con disabilità possano vivere una vita indipendente e attiva. Non si tratta solo delle barriere fisiche, quali gli ostacoli architettonici o l’accesso ai trasporti; vuol dire anche eliminare i pregiudizi, la stigmatizzazione, il rifiuto e l’esclusione.

“I governi dispongono già di mezzi efficaci per combattere tali barriere, contenuti nella Carta sociale europea riveduta e nella Raccomandazione del 2009 sulla progettazione universale. Il nostro Piano d’azione per le persone con disabilità 2006-2015 propone mezzi specifici per aiutare i governi ad abbattere le barriere esistenti ed evitare che ne vengano create delle nuove.

“Questo lavoro essenziale per migliorare le condizioni di vita non solo delle persone con disabilità, di qualsiasi forma, il cui numero è stimato intorno al 15% della popolazione mondiale, ma anche delle loro famiglie e della loro cerchia familiare e dell’insieme della comunità. Dobbiamo agire ora perché questa parte della popolazione, che rappresenta la più grande minoranza in tutto il mondo possa occupare pienamente il posto che le spetta nella società”.

Sapevate che...

la Giornata internazionale delle persone con disabilità si tiene il 3 dicembre di ogni anno.

Testi di riferimento
Intervista

Damian Tatic (Serbia), consulente ONU nonché uno tra i maggiori esperti di diritti dei disabili

Multimedia
 Publicazioni
Link utili