Fondo fiduciario per i diritti umani Fondo fiduciario per i diritti umani

Una risorsa preziosa volta a incrementare l'applicazione dei diritti umani in tutta Europa

Alcuni anni fa, il governo norvegese ha presentato un progetto finalizzato a sostenere gli Stati membri del Consiglio d'Europa nel portare avanti il lavoro necessario per attuare le sentenze della Corte europea dei diritti dell'uomo. Tale iniziativa è nata dall'idea che le difficoltà incontrate da numerosi Stati membri per modificare il loro diritto interno o le prassi nazionali erano dovute ad ostacoli finanziari o strutturali, e che risultava quindi necessaria la creazione di una struttura in grado di favorire il rafforzamento delle competenze e l'assistenza di esperti.

È per questa ragione che il Fondo fiduciario per i diritti umani (HRTF) venne istituito nel marzo 2008 in seno alla Banca di Sviluppo del Consiglio d'Europa. Lo scopo del Fondo è quello di erogare finanziamenti al fine di agevolare gli sforzi degli Stati nel tener fede agli obblighi che scaturiscono della Convenzione dei diritti dell'uomo e da altre norme del Consiglio d'Europa in materia di diritti umani.

Cinque paesi hanno aderito al Fondo al fianco della Norvegia: dapprima Germania e Paesi Bassi,  Finlandia e Svizzera, e più recentemente il Regno Unito, in occasione della Presidenza del Comitato dei Ministri. Gli Stati concedono capitale di avviamento a sostegno dell'attuazione dei diritti umani in Europa.

Fino ad oggi, sono stati stanziati oltre 6 milioni di euro per il finanziamento di attività in questo campo.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web
 

In un’intervista, l'Ambasciatore Matthew Johnson, rappresentante permanente del Regno Unito presso il Consiglio d’Europa e presidente dell’Assemblea dei soggetti che aderiscono all’HRTF, parla degli obiettivi del Fondo e del modo innovativo attraverso il quale esso sostiene gli sforzi comuni volti a tutelare e promuovere i diritti umani.

Attività Attività

Queste attività mirano, tra l'altro, a contribuire a garantire l'esistenza:

  • di vie di ricorso efficaci per chiunque desideri presentare una doglianza difendibile per una violazione della Convenzione;
  • di procedure nazionali conformi alle disposizioni della Convenzione, che consentano di condurre indagini efficaci e di trattare i casi di ripetute violazioni della Convenzione;
  • di meccanismi efficaci per verificare che i disegni e le proposte di leggi e di prassi amministrative siano in conformità con le disposizioni della Convenzione;
  • di un'organizzazione, un funzionamento e un'infrastruttura di servizi pubblici in ambito amministrativo e giudiziario.

Il Fondo fiduciario per i diritti umani (HRTF), attraverso tali attività, mira a rafforzare l'azione stabile e durevole nel tempo della Corte, e contribuisce a favorire un'esecuzione completa e tempestiva delle sue sentenze, alleggerendo in tal modo la sua ingente mole di lavoro e riducendo il numero di casi che le sono presentati.

Qui di seguito sono indicate alcune delle attività approvate dall'Assemblea del Fondo:

  • istituire norme e procedure efficaci per una migliore esecuzione delle decisioni giudiziarie dei tribunali nazionali;
  • fornire ai magistrati e agli avvocati una formazione di alta qualità in materia di diritti sanciti dalla Convenzione e contribuire a fare conoscere la giurisprudenza della Corte e a favorirne l'effettiva accessibilità per i professionisti del diritto;
  • assistere gli ordini forensi, i singoli avvocati specializzati nei diritti umani e i centri di consulenze legali affinché possano fornire tutte le informazioni necessarie ai potenziali ricorrenti dinanzi la Corte europea dei diritti dell'uomo;
  • commissionare traduzioni della giurisprudenza fondamentale della Corte europea dei diritti dell'uomo nelle lingue pertinenti e garantire che siano messe a disposizione dei professionisti del diritto;
  • fornire assistenza per facilitare l'esecuzione delle sentenze della Corte nel campo della libertà di espressione e dei media grazie a una maggiore sensibilizzazione dei giudici e dei pubblici ministeri in materia di giurisprudenza della Corte;
  • sostenere i Meccanismi nazionali di prevenzione recentemente creati, affinché possano effettivamente prevenire il verificarsi di casi di maltrattamenti e di torture in tutti i luoghi in cui si trovano o potrebbero trovarsi persone private della libertà.
Citazioni Citazioni
  • "Il Fondo fiduciario per i diritti umani è uno strumento unico ed efficace volto ad incoraggiare l'attuazione della Convenzione europea dei diritti dell'uomo all'interno degli Stati membri del Consiglio d'Europa. Il suo obiettivo è in particolare quello di rafforzare la sostenibilità della Corte europea dei diritti dell'uomo. Sei paesi contribuiscono al Fondo: Norvegia, Germania, Svizzera, Finlandia, Paesi Bassi, e dal 2012 anche il Regno Unito. Ci auguriamo che altri paesi vi aderiscano, dato che molto resta ancora da fare per mantenere e promuovere i diritti umani e le libertà fondamentali nel nostro continente".

    Ellen Berends, Présidente dell'Assemblea del Fondo fiduciario per i diritti umani (HRTF), Rappresentante permanente dei Paesi Bassi presso il Consiglio d'Europa

  • "Strumenti quali il Fondo fiduciario per i diritti umani sono di enorme valore per aiutare a mettere in pratica le nostre norme in materia di diritti umani. Il Fondo è un esempio di corretta prassi finanziaria che incoraggia gli Stati membri a partecipare di più alla promozione dei principi e valori del Consiglio d'Europa. Grazie a questo strumento finanziario, il Consiglio d'Europa e la CEB possono elargire e migliorare l'impatto della propria azione in questo campo e contribuire agli sforzi compiuti dagli Stati membri per adempiere agli obblighi che scaturiscono dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo e da altri strumenti del Consiglio d'Europa in materia di diritti umani".

    Thorbjørn Jagland, Segretario generale del Consiglio d'Europa

  • "La partecipazione della CEB al Fondo fiduciario per i diritti umani è un chiaro indicatore del suo impegno verso i valori promossi dal Consiglio d'Europa e, in particolare, del suo sostegno al sistema europeo per la protezione dei diritti umani. Il mandato sociale della CEB è intrinsecamente legato a tali valori".

    Rolf Wenzel, Governatore della CEB